Foggia, arrestato ex sacerdote pedofilo: abusi su bimbo di 11 anni

L’uomo era già stato indagato per diffusione di materiale pedopornografico ed allontanato dalla Chiesa nel 2012 per reati simili.


Un ex sacerdote di 55 anni, già indagato in passato per diffusione di materiale pedopornografico, è stato arrestato dalla polizia postale di Bari in collaborazione coi carabinieri di Foggia con la pesante accusa di violenza sessuale continuata e aggravata ai danni di minore.

I fatti contestati all’uomo risalgono al 2013, ma sono stati scoperti solo nel 2014, quando i genitori della giovane vittima – 11 anni all’epoca dei fatti – hanno scoperto tutto e si sono rivolti alle autorità per denunciare l’accaduto.

Le indagini hanno permesso di accertare come il 55enne, espulso dal Consiglio generale della Congregazione nel 2012 con il divieto di “avvicinarsi ai bambini frequentanti la parrocchia e di prestare, a qualunque titolo, servizio nelle catechesi per bambini in fase prepuberale” dopo un episodio simile a quello che ha portato oggi al suo arresto, divenuto socio di una locale scuola di calcio, avrebbe avvicinato il giovanissimo e lo avrebbe portato nella propria abitazione con la scusa di dargli qualche lezione di doposcuola.

Lì, secondo quanto emerso dalle indagini, in almeno un’occasione l’uomo avrebbe costretto il bambino a masturbarlo. In seguito lo avrebbe costretto a inviargli via WhatsApp foto che lo ritraevano nudo. Questo, dicono gli inquirenti, dietro la falsa promessa di farlo diventare un modello o di farlo entrare in una importante squadra di calcio.

In casa dell’uomo, durante una perquisizione compiuta nel novembre scorso, è stato rinvenuto un importante quantitativo di materiale pedopornografico, prontamente sequestrato e passato al setaccio dagli inquirenti.

Oggi, dopo mesi di indagini, è scattato l’arresto: l’uomo deve rispondere di violenza sessuale aggravata e continuata commessa per induzione, abusando delle condizioni di inferiorità fisica e psichica della vittima, ma anche di produzione di materiale pornografico minorile, distribuzione, divulgazione, condivisione e pubblicizzazione di materiale pedopornografico.