Marò in India, soluzione vicina: gli altri 4 marò saranno interrogati a Roma

Le indagini della NIA sono a un passo dalla conclusione: l’interrogatorio degli altri quattro marò che si trovavano insieme a Latorre e Girone verrà effettuato in Italia.

Sembra proprio che i tre ministri indiani che da settimane stanno lavorando al caso dei due marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, accusati di aver ucciso due marinai indiani al largo della costa del Kerala, abbiamo trovato la soluzione per chiudere in fretta le indagini.

Stando a quanto riferisce oggi l’agenzia di stampa Press Trust of India, un team di agenti della National Investigation Agency sarebbe pronto ad arrivare in Italia, a Roma, per interrogare gli altri quattro marò che si trovavano a bordo dell’Enrica Lexie insieme a Latorre e Girone nel febbraio dello scorso anno.

Gli agenti della Nia dovrebbero assistere personalmente all’interrogatorio che sarà svolto dalla polizia italiana in base a lettere rogatorie indiane. Mancano ancora conferme ufficiali, ma appare evidente che di fronte al no delle autorità italiane di fronte alla richiesta di inviare in India i quattro marò, l’arrivo in Italia dei militari indiani sembra la soluzione più semplice per chiudere presto questo capitolo.

Le indagini, infatti, sono pressoché concluse. Una volta che i quattro agenti italiani saranno stati interrogati si potrà procedere con la loro chiusura e con l’avvio del tanto atteso – e pronto a far discutere – processo a Latorre e Girone.

I Video di Blogo