Ping Pong: botte (e risposte) della giornata politica

Leggi e commenta la Top NewsAlta tensione fra Lega e Pdl sulle riforme. E’ scontro sulla Giustizia. Berlusconi accelera . Calderoli frena il premier: “Sulla tabella dei tempi la riforma della Giustizia non c’è. In autunno abbiamo il federalismo fiscale”. Berlusconi: “Sulla Giustizia sono determinatissimo. Io vado avanti”. Gasparri prova a mediare: “Faremo entrambe le

Leggi e commenta la Top News

Alta tensione fra Lega e Pdl sulle riforme. E’ scontro sulla Giustizia. Berlusconi accelera . Calderoli frena il premier: “Sulla tabella dei tempi la riforma della Giustizia non c’è. In autunno abbiamo il federalismo fiscale”. Berlusconi: “Sulla Giustizia sono determinatissimo. Io vado avanti”. Gasparri prova a mediare: “Faremo entrambe le riforme. Il tempo c’è e abbiamo i numeri”. Bersani: “Faranno ciò che vuole il Cavaliere”.

Il nostro commento. Prosegue il braccio di ferro fra Bossi e Berlusconi. Per adesso i due evitano i colpi diretti. Ma il capo della Lega Nord batte i pugni sul (proprio) tavolo per farsi sentire dal premier e dimostrare che non è al guinzaglio. Bossi vuole rassicurare il proprio elettorato che la priorità del federalismo fiscale resta tale nell’azione del governo e vuole dimostrare che senza la Lega il governo non regge. Per di più accetta l’invito di Veltroni alla festa del Pd di Firenze, “un segnale di dialogo” per far ingelosire e innervosire il leader del Pdl. Bossi non vuole nuove tensioni con l’opposizione, in grado di ostacolare il federalismo e le riforme costituzionale. Forse sono solo avvisaglie di un temporale estivo, una tempesta in un bicchier d’acqua per mantenere visibilità mediatica e consensi. Brontola il Senatur, ma il pallino vero ce l’ha il Cavaliere. Se Silvio dà uno strattone alla catena, il capo del Carroccio torna nella … cuccia. Berlusconi vuole la riforma della Giustizia e la farà.

Roberto Calderoli: “Berlusconi insiste sulla Giustizia come priorità. Invece in autunno per primo c’è in cantiere il federalismo fiscale, il codice delle autonomie e poi la Finanziaria. A seguire la riforma costituzionale. Il federalismo interessa tutta l’Italia, non solo il Nord”.

Silvio Berlusconi: “ La Giustizia è una riforma prioritaria per l’Italia, e si farà adesso. Sono più determinato che mai. Bisogna assolutamente riformare la giustizia e farlo in modo radicale, dalle fondamenta. Serve immunità parlamentare, separazione delle carriere, riforma del Csm”.

Umberto Bossi: “L’impegno di tutto il Pdl con noi era: entro natale il Federalismo! Adesso basta! E’ possibile un’intesa anche con il Pd. Siamo partiti a scriverlo insieme con Chiamparino e l’ex presidente dell’Emilia Romagna. Sono uomini di sinistra. Si può trattare su tutto. Anche sulla giustizia”.

Anna Finocchiaro: “Nella maggioranza e nel governo comanda uno solo. Uno scontro sulla Giustizia produrrebbe un muro contro muro. Dopo di che tutto diventa più difficile. E Bossi lo sa”.

Angelino Alfano: “Manterremo i nostri impegni e a settembre vareremo la riforma organica della giustizia”.

Maurizio Gasparri: “E’ lungo l’autunno. C’è tempo per fare tutto. Con i numeri che abbiamo come maggioranza possiamo approvare un sacco di cose”.

Walter Veltroni: “Comanda Berlusconi, ma se tira troppo la corda il governo non dura cinque anni”.

I Video di Blogo