Virus – Il contagio delle idee, la puntata del 18 ottobre 2013

La puntata del 18 ottobre 2013 del programma condotto da Nicola Porro su Polisblog.

23:36 la puntata di stasera termina con un video riguardanti le inchieste di Lambrenedetto Sedicesimo, uno youtuber.

23:28 Marrazzo: “Ho perso tanti amici ma ho sbagliato io a considerarli amici. Quello che mi dicono dietro le persone, me l’ha già detto davanti la stampa. La mia vita sessuale, la deve giudicare solo la persona che ho affianco. Tutti possiamo sbagliare. E’ vietato sbagliare a chi ha responsabilità ma poi a lui è vietato non ammetterle. Soprattutto, è vietato tenersi il potere a ogni costo e infatti io ho riconsegnato la sedia da presidente. Ho sbagliato ma è un problema tra me e le persone che ho vicino. Tornerò a fare il mio lavoro con Razza Umana”.

23:12 Marrazzo: “I cittadini devono giudicare la mia esperienza da governatore del Lazio. I sondaggi parlavano di un aumento dei consensi”. Sullo scandalo: “Ho avuto delle frequentazioni che non hanno mai influenzato la mai vita politica ma frequentazioni che un uomo politico non si può permettere. Non ho mai avuto procedimenti penali. Si è detto di tutto e di più, ho ricevuto un attacco violento dalla stampa. La cocaina? E’ tutto negli atti del processo. Io non sono accusato di nulla. C’è un processo dove io sono parte lesa. Io devo essere perdonato solo da mia moglie, dalle mie figlie e dalle persone che mi vogliono bene. In un paese dove regna la corruzione, io non ho mai fatto niente di questo tipo. Ma ho dovuto dimettermi. Sono state dette cose false, che avevo preso soldi pubblici. Berlusconi mi chiama e mi informa di questo filmino. Perché? Non so darmi una risposta. Lì ho commesso un errore: dovevo già avvertire le autorità. Un uomo di potere avrebbe potuto difendersi con mezzi che solo gli uomini di potere conoscono. Io non sono un uomo di potere. L’errore non si trova nella vita privata, altrimenti saremmo un paese bigotto. Io ho sbagliato solo perché ero presidente. La mia vita privata è intervenuta ed è entrata e la rimettiamo dove deve stare. Qualcuno dovrebbe chiedermi: “Cosa ha fatto da presidente?”. Io ho raccontato tutto a mia figlia e lei mi ha detto: “Questo è un problema che hai con mamma”. Applausi.

23:01 tutte le dichiarazioni di Piero Marrazzo: “Tra due anni, saranno 30 anni che lavoro in Rai. Mio padre, Joe Marrazzo, avrebbe fatto fatica a riconoscersi in questo giornalismo. Io non volevo fare il giornalista. Non è vero che tutti i giornalisti sono di sinistra, il giornalismo non si deve etichettare. Con “Mi manda Raitre”, sono diventato l’avvocato dei cittadini. Non ho mai capito se sono stato un giornalista prestato alla politica o un politico prestato al giornalismo. La mia popolarità è stata fondamentale per la mia elezione nel Lazio. Ho guadagnato di più da giornalista che da politico”. Marrazzo si commuove per Calipari.

22:59 Il ritorno di Piero Marrazzo in studio viene introdotto da un servizio dedicato soprattutto allo scandalo che l’ha coinvolto.

22:51 Sacconi su Scaglia: “Berlusconi è stato aggredito dalla giustizia al momento del suo ingresso in politica. Berlusconi è l’emblema dell’anomalia della giustizia in Italia. Ma ci sono altri casi mai accaduti nel resto del mondo come il caso di geologi condannati per non aver previsto il terremoto in Abruzzo”.

22:44 i sondaggi di Alessandra Ghisleri, direttrice Euromedia Research: il 60% degli intervistati è contrario all’indulto e all’amnistia; il 65% degli intervistati è convinto che le tasse aumenteranno con questa legge di stabilità; il 38% trovano l’aumento di busta paga di 14 euro, una “presa in giro”.

22:38 Parisi: “Siamo molto felici perché la verità è stata ristabilita. I giudici hanno confermato quello che dicevamo tre anni fa ossia che Fastweb era innocente e che non c’erano fondi neri”.

22:35 un servizio anticipa il caso di Scaglia, fondatore di Fastweb, assolto per riciclaggio. In studio, c’è Stefano Parisi, ad di Fastweb dal 2004 al 2010.

22:29 Boccia: “Renzi è consapevole che c’è un impegno collettivo che abbiamo assunto con Napolitano”

22:28 un servizio riguardante le strategie di Matteo Renzi. Ascoltiamo le dichiarazioni di un dirigente renziano: “Il governo reggerà finché conviene a Renzi”.

22:25 Sechi: “Ci sono due fattori interni ai partiti che si ripercuotono nel governo: il congresso del Partito Democratico e la spaccatura evidente nel PdL a causa della conclusione della parabola di Berlusconi. Cosa succederà? La legge di stabilità verrà riscritta pesantemente”.

22:22 un servizio sulle dichiarazioni di Mario Monti: “La mia carriera politica non è mai esistita. Le accuse di Casini? Non commento le sue importanti parole”.

22:20 Sacconi a Salvini: “Voi pensate all’indipendenza, noi all’Italia. Anche nel nord, ci sono aziende e ospedali che sono mal gestiti e sedi universitarie senza senso”.

22:15 Salvini: “Bisogna abbassare le tasse e non fare leggi retroattive. Quale impresa verrebbe in Italia con questa giustizia che è la più inefficiente d’Europa” E aggiunte: “I gestori delle slot machine in Italia hanno evaso miliardi di tasse. Boccia chiede dove sono i soldi. I soldi ci sono”.

22:13 Zucco: “Se l’Italia replicasse il sistema di tasse dell’Irlanda, Google pagherà le tasse anche in Italia”.

22:11 Boccia: “Il problema non è la tassazione o l’Europa ma il nostro impianto fiscale”.

22:09 Porro: “Google non paga le tasse in Italia ma paga poche tasse in Irlanda, creando occupazione”.

22:03 un servizio riguardante la pubblicità on line incassata da Google ma che non viene tassata in Italia grazie ad un “trucco”: la vendita della pubblicità avviene ufficialmente in Irlanda e si pagano le tasse solo lì. Il fatturato in Italia, quindi, viene contabilizzato in Irlanda, considerato quasi “un paradiso fiscale”.

22:01 Zucco: “Ogni euro speso in più fa parte di politici e di burocrazia”.

21:58 Boccia: “La Council Tax è l’ideale. L’ho pagata per 4 anni. E’ una tassa che ti consente di distinguere da appartamento ad appartamento e da servizio a servizio”.

21:56 Sechi: “Questa riserva di 8 miliardi di euro, che si può spendere senza dare fastidio all’Europa, non viene nemmeno citata”.

21:55 Sacconi: “La nuova tassa sulla casa graverà sulle seconde e terze case”.

21:53 Giacomo Zucco, Tea Party Italia: “Le tasse non solo non diminuiranno di un euro ma aumenteranno. In questa manovra abbiamo tagli retroattivi, tutte le tasse aggiunte nel governo Letta, le tasse accumulate da Monti e Tremonti e la tassa sulla casa che sarà maggiore dell’Imu”.

21:51 Sacconi: “Dobbiamo seguire un percorso. In questa legge, c’è una riduzione delle tasse per famiglie e imprese”.

21:48 Mario Sechi, giornalista: “Chiedo a Boccia. Quanto vale la Trise, la tassa sulla casa? Serve uno stimolo per l’economia, perché non usiamo il mezzo punto di Pil che vale 8 miliardi di euro?”.

21:45 un servizio riguardante una coppia italiana che paga la Council Tax in Inghilterra: “Siamo felici di pagare le tasse perché abbiamo un servizio indietro”.

21:42 Francesco Boccia, PD: “Più si tagliano le spese, più aumenta il cuneo fiscale. La legge di stabilità è chiara e elementare e ha una certezza: non faremo ulteriori debiti. Se si prende l’ultima manovra del governo Monti e quella del governo Berlusconi, si trovano altre imposte che impattano nel 2014. Mi auguro che il parlamento modifichi e migliori la service Tax”.

21:35 la seconda parte del servizio dedicato alle reazioni riguardo la finanziaria. Anche in questa parte di filmato si alternano opinioni di politici e di gente comune. Vendola: “Non c’è nulla di reale che consoli il paese”. Si parla anche degli straordinari dei dipendenti pubblici, in questo caso dei Vigili del Fuoco (“Non riusciamo ad arrivare alla fine del mese senza fare gli straordinari”).

21:31 Matteo Salvini, Lega Nord: “Ci stiamo andando a schiantare. Bisogna affrontare i problemi a monte ossia l’Euro e l’Europa. L’Euro è la truffa più solenne e certificata degli ultimi 50 anni. L’euro sta ammazzando la produzione e il commercio. E’ uno strumento assassino dell’Europa e non c’è legge di stabilità che tenga. Ogni cittadino del nord paga 3mila euro di più di quanto riceve in servizi. Nelle regioni del sud incassano questi 3mila euro in più”.

21:26 Maurizio Sacconi, PdL: “La legge di bilancio è un punto di svolta perché individua un percorso di riduzione delle tasse e delle spese”.

21:20 le opinioni di politici e gente comune riguardo la legge di stabilità. Il timore maggiore riguardano i possibili tagli alla sanità e al welfare. Le reazioni dei politici sulla manovra: scialba, democristiana, “vorrei ma non posso”, una “manovrina” o “Carosello” come dice Nichi Vendola.

21:19 Porro parla dell’assoluzione di Scaglia di Fastweb e annuncia l’intervista a Piero Marrazzo.

21:17 Porro: “PD e PdL non amano questa manovra, sono divisi sulla manovra oppure non è questa la manovra che volevano”.

21:16 Porro annuncia l’argomento della serata: la finanziaria e le tasse che pagheremo dal 1° gennaio 2014.

21:14 l’attenzione di Giannino si concentra anche su spesa pubblica e sulla Service Tax: “Sarà più alta dell’Imu che hanno abolito”.

21:11 inizio trasmissione. La puntata di oggi inizia con Oscar Giannino che parla dell’aumento delle tasse nel nostro paese.

Virus – Il contagio delle idee, 18 ottobre 2013: Anticipazioni e Live su Polisblog

Questa sera, 18 ottobre 2013, a partire dalle ore 21:10 su Rai 2, andrà in onda una nuova puntata di Virus – Il contagio delle idee, il programma di approfondimento politico condotto dal giornalista Nicola Porro.

L’argomento cardine della puntata di stasera sarà la finanziaria, appena varata ma che sembra già aver scontentato tutti: questa sera, Porro e i suoi ospiti in studio proveranno soprattutto ad analizzare gli effetti della finanziaria sulla classe media.

Inoltre, la cosiddetta manovra della discordia ha già cominciato a dividere sia la maggioranza che le parti sociali: nello studio di Virus, quindi, si parlerà anche della nuova, possibile, crisi di governo.

Gli ospiti che presenzieranno alla puntata di Virus di stasera saranno Matteo Salvini, vice segretario federale della Lega Nord, e Carla Cantone, segretario generale dello Spi Cgil.

Il sondaggio, che sarà a cura di Alessandra Ghisleri, invece, avrà il compito di analizzare gli umori dei cittadini, e le conseguenti oscillazioni dell’elettorato, proprio dopo il varo della legge di stabilità.

Nicola Porro, inoltre, intervisterà l’ex presidente della Regione Lazio e giornalista, Piero Marrazzo, che sarà protagonista del suo primo faccia a faccia televisivo dopo lo scandalo che l’ha coinvolto nel 2009 e che l’ha costretto alle dimissioni da governatore del Lazio.

Tra i filmati che andranno in onda, invece, vedremo le reazioni dei sindacati e della Confindustria, il dramma del ceto medio costretto a vendere i gioielli di famiglia per riuscire a continuare a vivere, l’Irlanda e la storia di Google, multinazionale sotto attacco del fisco, e in particolare, il meccanismo e i trucchi per ridurre gli oneri fiscali nel quartier generale di Dublino.

Spazio anche a Vittorio Sgarbi che analizzerà l’attuale situazione politica, attraverso un quadro di René Magritte, dal titolo Lo Stupro.

Polisblog seguirà in diretta la puntata di questa sera, riportando in tempo reale tutte le dichiarazioni e gli avvenimenti degni di nota.

Appuntamento alle ore 21:10.