Pavia, uccide l’amico agricoltore, poi si toglie la vita

L’agricoltore sessantenne è stato ucciso dopo una lite scoppiata per una questione d’affari. Subito dopo l’assassino si è tolto la vita

L’agricoltore sessantenne è stato ucciso dopo una lite scoppiata per una questione d’affari. Subito dopo l’assassino si è tolto la vita

ore 20.06 Dopo aver ucciso Maurizio Varesi sparandogli con un fucile, il muratore 35enne Matteo Zanin di Scaldasole si è sparato un colpo di fucile alla gola mentre era a bordo della sua Panda. Il corpo dell’uomo è stato trovato intorno alle 17 dai carabinieri durante un servizio di controllo a Scaldasole. Zanin è descritto come un uomo tranquillo e molto equilibrato. Fra lui e Varesi non vi erano mai stati dissidi fino alla lite di ieri pomeriggio, dovuta ai lavori di ristrutturazione del porticato di quest’ultimo.

ore 17.01 Un uomo di trentacinque anni ha ucciso un agricoltore di sessant’anni quest’oggi, intorno alle ore 13, nella sua cascina di frazione Buscarella di Sannazzaro de Burgondi, in provincia di Pavia. All’origine del fatto di sangue, ci sarebbe una lite scoppiata ieri e, molto probabilmente, motivata da alcuni lavori che l’omicida stava compiendo alla cascina Rainoldi.

Il muratore, residente a Scaldasole, stava eseguendo dei lavori a un portico e, intorno alle 13 di oggi, ha raggiunto la vittima mentre questa si trovava alla guida del trattore. Maurizio Varesi, sessant’anni, è stato colpito al volto ed è morto sul colpo. La vittima non era sposato e viveva nella cascina insieme al fratello, alla cognata e a due nipoti. I tre spari sono stati uditi da un nipote dell’agricoltore che, dopo essere stato colpito, è rimasto accasciato sul posto di guida del trattore sul quale stava guidando.

Sul posto si sono recati la Croce d’Oro di Sannazzaro, il 118, la scientifica e la medicina legale insieme ad altri tecnici. I carabinieri della compagnia di Voghera e di Sannazzaro hanno identificato immediatamente l’assassino e gli stanno dando la caccia con un elicottero.