Roma: autobus pirata investe e uccide un ragazzo

Autobus Atac investe e uccide 20 enne in piazza Venezia, a Roma. L’autista prosegue la sua corsa.

Dopo le auto pirata, ora anche gli autobus pirata. La notte scorsa, infatti, un ragazzo di 20 anni è stato investito e ucciso da un pullman in piazza Venezia, a Roma. L’autista, dopo il fatto, non si è fermato e ha proseguito la sua corsa. Interrotta solo quando la polizia è riuscito a raggiungere il mezzo in via Nomentana.

L’autista ha detto di non essersi accorto di aver travolto il ragazzo, che è morto all’ospedale San Giovanni per le ferite riportate. Pare che la vittima, intorno alle 3.30, sia stato messo sotto mentre cercava di attraversare la strada. Sul posto, sono arrivate le pattuglie di Polizia locale dei gruppi Appio e Trevi. Oltre ai soccorsi, che purtroppo non sono riusciti a evitare il decesso del 20 enne.

Sono in corso indagini per appurare se l’autista dell’autobus davvero non si sia accorto di quello che aveva appena fatto o se abbia proseguito la corsa per paura. Fonti investigative, dopo un primo interrogatorio, hanno raccontato la dinamica dell’incidente di piazza Venezia secondo la testimonianza dell’autista dell’Atac, un
ragazzo di 30 anni.

L’uomo ha detto che era fermo in piazza Venezia quando alcuni ragazzi, ubriachi, si sono avvicinati al finestrino sinistro; uno di loro, ha tentato di entrare da quel lato. A quel punto, l’autista avrebbe ripreso la corsa non accorgendosi che davanti al mezzo c’era il giovane che è stato investito. Vengono ascoltati dalla polizia altri testimoni.