Milano, sparatoria in strada: un morto e un ferito grave

Alla base della sparatoria, secondo quanto emerso in queste ultime ore, ci sarebbe un regolamento di conti tra bande.


Lite finita in tragedia la notte scorsa nella Chinatown di Milano, una discussione cominciata all’esterno di un locale karaoke di via Signorili e finita a colpi di pistola.

Era da poco passata la mezzanotte quando, per motivi ancora da chiarire, un cittadino cinese ancora ricercato dalle autorità ha aperto il fuoco contro due connazionali, uccidendone uno e ferendone gravemente l’altro.

L’esatta dinamica è ancora al vaglio degli inquirenti, subito giunti sul posto. Le due vittime sono state trasportate d’urgenza all’ospedale Niguarda e al San Carlo. Uno di loro, un 36enne con piccoli precedenti penali, era stato raggiunto da un colpo di pistola all’addome ed è deceduto dopo esser stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico.

L’altro, invece, si trova ricoverato in gravissime condizioni al Niguarda. Della persona che ha sparato nessuna traccia, ma le testimonianze dei presenti e le immagini delle telecamere di sorveglianza installate nell’area sono ora al vaglio degli inquirenti.

Non si esclude, al momento, che alla base della sparatoria possa esserci un regolamento di conti tra bande.

Ultime notizie su Cold Case

Tutto su Cold Case →