Quarto Grado ultima puntata 27 febbraio 2015

Quarto Grado | La puntata di venerdì 27 febbraio 2015

[live sid=’live_0′]

Quarto Grado, Melania Rea uccisa da Parolisi per rabbia pura?

23:47 Il desiderio di vivere alla luce del sole la propria relazione con Ludovica e il timore degli scandali con cacciata dall’esercito avrebbero spinto Salvatore Parolisi ad uccidere Melania Rea. Rabbia pura ma nessun accanimento per questo è stato cancellato l’aggravante della crudeltà. Ci potrebbe essere un’ulteriore riduzione di pena e tra quattro anni potrebbe addirittura uscire dal carcere.

Quarto Grado, Yara, Marita Comi: “Convinta dell’innocenza di mio marito”

02_27_2015_22_45_25

Ai microfoni di Quarto Grado Marita Comi, moglie di Massimo Bossetti, in carcere per l’omicidio di Yara Gambirasio.

Sono convinta dell’innocenza di mio marito. Non ho nessun dubbio. Quando ho dei dubbi gli faccio delle domande, com’è logico penso che sia.

Di seguito l’intervista alla donna in onda integralmente questa sera su Retequattro.

Inviato: Non ha mai trovato in tutti questi mesi qualcosa che davvero facesse vacillare questa fiducia in suo marito, che poi è il padre dei suoi figli…

Marita: Sono otto mesi che vengono fuori notizie, che non sono prove sicure.

I: Ora ci sarà una grande prova che vi aspetta. Lei sarà sempre vicina a suo marito?

M: Certo. Sempre.

I: Seguirà il processo, anche per dargli coraggio…

M: Sarò sempre vicina a lui.

I: Magari suo marito legge i giornali… si fa un’idea che magari lei possa abbandonarlo o avere dei dubbi…

M: No. Assolutamente.

I: Non è vero che non ha mai avuto dei dubbi…

M: Non ho dubbi.

I: Se ha fatto delle domande a suo marito…

M: Penso che siano legittime e normali.

I: Nonostante in tutti questi mesi noi giornalisti…. la Procura… abbiano trovato quelli che loro ritengono essere indizi, lei non vacilla… lei è convinta…

M: Sono convinta dell’innocenza di mio marito.

I: Non solo perché non crede agli indizi, ma anche perché lo conosce meglio di chiunque altro.

M: Certo.

I: È il padre dei suoi figli. Non può aver fatto quello che dicono…

M: Assolutamente no.

I: Decine di migliaia di pagine della Procura per dire che suo marito è l’assassino di Yara.

M: Adesso le vedremo. Adesso sarà possibile leggerle. E vedremo cosa uscirà. Penso che non uscirà niente di alcunché.

02_27_2015_23_07_15

23:08 Viene avanzata una nuova ipotesi: analizzando le tre ferite, inferte sulla schiena, Yara potrebbe essere stata colpita da un coltello usato per le arti marziali.

02_27_2015_23_30_23

23:30 Mamma Ester e la gemella Laura sostengono che non ci sono prove contro Massimo, chiedono la sua scarcerazione. Sostengono che qualcuno l’abbia voluto incastrare.

23:41 Due uomini hanno aggredito la sorella nel garage della mamma. Non c’è traccia di imboscate dalle precedenti visioni delle telecamere di sicurezza dei luoghi indicati.

Quarto Grado diretta, Elena Ceste: Michele Buoninconti uccise per punire?

02_27_2015_22_01_36

Secondo gli inquirenti, Michele Buoninconti deve restare in carcere per aver ucciso Elena Ceste, vittima del desiderio di punizione. L’uomo avrebbe agito d’impeto dopo aver letto i messaggi ossessivi dell’uomo della Golf. E c’è chi, però, davanti casa sua, chiede a gran voce la sua liberazione. Non esce perché potrebbe socialmente pericoloso.

02_27_2015_22_18_32

22:20 Un’amica ha confessato che Michele era innamorata di Elena. Leggeva libri religiosi, andava a Messa la domenica. Voleva licenziarsi da pompiere. Messaggiava con altre donne come un qualunque corteggiatore.

Quarto Grado, Sarah Scazzi: Cosima Misseri è innocente?

02_27_2015_21_24_53

21:25 Cosima Misseri, per la prima volta, ha rilasciato dichiarazioni spontanee davanti ai magistrati.

Cosima: Gesù è stato condannato dal popolo e il giudice ha fatto quello che voleva la popolazione. Il male fa rumore il bene no. A Sarah abbiamo fatto sempre del bene. Gelosia di cosa? Il fratello e mia sorella possono parlare sul fatto che non ho mai accusato mio cognato.

La donna ha candidamente ammesso di essere stata aggredita due volte da Michele Misseri: una volta con l’accetta ed una con una pietra.

Quarto Grado puntata 27 febbraio 2015: anticipazioni

quarto-grado-16-gennaio-2015

Quarto Grado torna stasera con un nuovo appuntamento incentrato sui casi di Elena Ceste, Yara Gambirasio e Sarah Scazzi. L’appuntamento è per questa sera alle 21.15 su Rete4 e in liveblogging qui su Blogo.

Quarto Grado | Puntata 27 febbraio 2015 | Anticipazioni

A quasi due anni dalla condanna all’ergastolo per l’omicidio della nipote Sarah Scazzi, Cosima Serrano romperà il silenzio in aula.

Nel giorno della ripresa del processo d’appello – stasera, in prima serata su Retequattro – “Quarto Grado” torna sul giallo di Avetrana con nuove testimonianze e ospita in studio il fratello di Sarah, Claudio Scazzi.

Massimo Bossetti resta in carcere. Gianluigi Nuzzi, con Alessandra Viero, approfondisce gli esiti sulle perizie tecniche dell’omicidio di Yara Gambirasio e l’analisi della difesa sulla probabile arma del delitto.

Infine, il settimanale a cura di Siria Magri si occupa del mistero di Elena Ceste. Cosa nasconde il rio Mersa, dove è stato ritrovato il corpo della donna? Dal carcere di Quarto d’Asti, intanto, il marito Michele Buoninconti ribadisce la propria innocenza.

Quarto Grado: come vederlo in tv e streaming

Quarto Grado è in diretta ogni venerdì sera su Rete4, intorno alle 21.10. Se lo perdete potete recuperarlo dal giorno seguente sul sito VideoMediaset.it.

Quarto Grado: Second Screen

Quarto Grado può essere seguito anche sui social, attraverso i profili ufficiali Twitter @QuartoGrado e Facebook Quarto Grado. Per interagire con la trasmissione basterà usare l’hashtag #quartogrado.

Quarto Grado puntata 27 febbraio 2015

Quarto Grado puntata 27 febbraio 2015