Taranto: evade dai domiciliari per fare una passeggiata, arrestato

Arrestato un 41 enne di Taranto, evaso dai domiciliari per fare una passeggiata.

Fare una passeggiata può costarti l’arresto. Soprattutto se decidi di uscire di casa pur essendo sottoposto agli arresti domiciliari. E’ successo a Massimo Caforio, 41 enne di Taranto, che pensava di farla franca e invece è stato individuato e arrestato dai carabinieri nei pressi di una sala giochi, nel quartiere Paolo VI.

L’uomo era stato sottoposto ai domiciliari per reati contro la persona. Nel pomeriggio, la voglia di uscire dalle quattro mura di casa è stata troppo forte. Si è fermato vicino alla sala giochi a parlare con alcuni conoscenti, ma lì vicino c’erano i militari in borghese del Nucleo investigativo che lo hanno notato e arrestato nuovamente. Ora sarà processato per direttissima.

Caforio ha cercato di scappare, ma è stato presto ripreso. Accompagnato negli uffici della caserma di viale Virgilio, dopo gli accertamenti di rito che hanno appurato come l’uomo non godesse di alcun permesso per allontanarsi da casa, è stato dichiarato in arresto per il reato di evasione. Il sostituto procuratore Mariano Buccoliero ha disposto il trasferimento nel carcere di largo Magli, in attesa del processo.

L’anno scorso, il 41 enne fu fermato sempre nel quartiere Paolo VI e arrestato in modo carambolesco. Era marzo. In piena notte, fu inseguito dai carabinieri di Taranto e, per evitare la manette, non esitò a passare sui carboni ardenti, tra i falò di San Giuseppe. Tutto inutile, però, in quanto fu raggiunto e bloccato poco dopo dai militari dell’Arma. Processato per direttissima, fu condannato a un anno di reclusione.