Torre del Greco: agguati di camorra e “bersagli dimostrativi”, 6 arresti clan Ascione-Papale

Per due tentati omicidi nel 2009 a Ercolano. I mancati sicari non trovando il reale obiettivo del raid ferirono persone estranee alla faida, come bersaglio dimostrativo.

Guerra tra clan e agguati di camorra: per queste accuse sono 6 le persone arrestate questa mattina dai carabinieri di Torre del Greco (Napoli).

In manette sono finiti presunti affiliati o soggetti comunque contigui al clan di camorra degli Ascione-Papale che sarebbero coinvolti in una faida di camorra.

Tra gli arrestati ci sono secondo la direzione distrettuale antimafia (Dda) partenopea i mandanti e gli esecutori materiali di due tentati omicidi consumatisi nel 2009 a Ercolano (Napoli).

In tutt’e due gli agguati chi avrebbe dovuto uccidere i rivali alla fine ferì persone estranee alla faida, colpite a caso, come bersaglio dimostrativo dopo non aver trovato i veri obiettivi del raid camorristico.

Gli arresti sono stati eseguiti dai militari dell’Arma su ordinanza del gip di Napoli richiesta dalla procura antimafia. L’ordinanza di custodia cautelare accusa a vario titolo gli indagati di associazione di tipo mafioso, tentato omicidio e favoreggiamento personale aggravati da finalità mafiose.

Secondo le indagini i sei arrestati avevano organizzato di uccidere un affiliato al clan Birra-Iacomino per riacquistare la piena egemonia delle attività illecite nella zona di Torre del Greco.

(in aggiornamento)

Ultime notizie su Camorra

Tutto su Camorra →