Bergamo, Roberto Pantic ucciso a colpi di pistola

Il corpo è stato scoperto dalla famiglia dell’uomo. I primi rilievi hanno accertato che Pantic è stato ucciso con un colpo di pistola.

Omicidio nelle campagne di Calcio, in provincia di Bergamo, un delitto scoperto nella notte tra sabato e domenica, ma reso noto soltanto oggi. La vittima è un nomade di 43 anni, Roberto Pantic, nato a Portogruaro e residente nel Torinese.

L’allarme è stato lanciato sabato notte, quando i familiari dell’uomo hanno scoperto il corpo senza vita di Pantic all’esterno del suo camper, parcheggiato tra i comuni di Calcio, Antegnate e Cividate. L’uomo era riverso a terra, privo di vita.

In un primo momento la famiglia dell’uomo – la moglie e i 10 figli – aveva pensato a un malore. Solo quando il corpo è stato trasporto in ospedale ci si è resi conti che Pantic era stato ucciso da un colpo di pistola.

Il caso è avvolto dal mistero: nessuno ha visto nulla, la vittima era incensurata e al momento non sarebbero emersi dissidi o dissapori che potrebbero spiegare questo delitto. I primi rilievi degli inquirenti hanno accertato che il colpo è stato esploso dall’esterno del camper. Il proiettile ha forato le pareti del mezzo e ha raggiunto l’uomo, riuscito ad uscire e ad accasciarsi a terra prima di spirare.

L’autopsia, prontamente disposta dal magistrato di turno, sarà eseguita nella giornata di oggi. Le indagini proseguono.

Ultime notizie su Cold Case

Tutto su Cold Case →