Lucca, omicidio-suicidio a Capezzano: uccide la madre e si toglie la vita

I due cadaveri sono stati scoperti questa mattina. Pochi i dubbi che si sia trattato di un caso di omicidio-suicidio.


21.00 – Poche ore dopo la scoperta dei corpi senza vita di Maria Palmerini e di suo figlio Andrea Bresciani, il caso sembra ufficialmente risolto: il biglietto lasciato dall’uomo ad alcuni amici, scoperto soltanto oggi, preannunciava l’addio. Alla base del folle gesto, secondo quanto emerso poco fa, ci sarebbe stata la perdita dell’abitazione in cui Bresciani e sua madre vivevano.

La casa era stata venduta all’asta e per domani era in programma il trasloco. Da qui, davanti all’impossibilità di trovare un nuovo alloggio, il raptus: l’uomo ha imbracciato un fucile e aperto il fuoco contro la donna, poi ha rivolto l’arma contro se stesso e si è tolto la vita nello stesso modo.

Omicidio-suicidio a Capezzano Pianore, frazione del comune di Camaiore, in provincia di Lucca, dove Andrea Bresciani, 50 anni, secondo quanto ricostruito, avrebbe ucciso l’anziana madre Maria Palmerini, di 77 anni, con un colpo di fucile prima di togliersi la vita nello stesso modo.

L’allarme è stato dato nella tarda mattinata di oggi, quando alcuni parenti delle due vittime, preoccupati perchè non ricevevano risposta, si sono recati nell’appartamento dei due a Capezzano.

All’arrivo dei soccorsi del 118 non c’era più nulla da fare. Madre e figlio erano già deceduti. Il fucile utilizzato dall’uomo è stato recuperato sulla scena del crimine.

Bresciani, secondo quanto scrive Il Giorno, avrebbe lasciato un biglietto in cui annunciava il folle gesto. Il messaggio di addio era stato lasciato a casa di un amico a Torre Del Lago e la scoperta dei due cadaveri è stata fatta proprio quando l’uomo, una volta trovato il biglietto, ha avvertito i parenti delle due vittime.

Non è chiaro, al momento, cosa abbia spinto l’uomo a uccidere la madre e a togliersi la vita né a quando risalirebbe la tragedia.

(in aggiornamento)