Elezioni in Austria: Grande Coalizione ce la fa per pochi voti, successo della Destra

Secondo l’agenzia Apa, i socialdemocratici del cancellliere Faymann otterrebbero il 27 per cento dei voti, i conservatori dell’Oevp il 23 per cento.

Secondo le prime stime dell’istituto di sondaggi Arge, pubblicate dalla France Presse, la grande coalizione in Austria si appresta a venire riconfermata al governo. Secondo l’agenzia Apa, i socialdemocratici del cancellliere Faymann otterrebbero il 27 per cento dei voti, i conservatori dell’Oevp il 23 per cento. Minacciosa la destra di Heinz Christian Strache che ottiene infatti il 22 per cento dei consensi.

Tra gli altri, i Verdi arrivano all’11,2% contro il 10,4% del 2008. Altri due partiti superano lo sbarramento del 4 per cento, entrando così al Consiglio nazionale, ossia il Parlamento di Vienna. Si tratta del Team Stronach, del miliardario austro canadese di 81 anni, Frank Stronach, che prende il 6 per cento dei voti, e dei Neos (Nuova Austria), formazione liberale che arriva al 4,7 per cento.

Non riesce a superare lo sbarramento, invece, la Bzoe (Lega per il futuro dell’Austria, fondata da Haider nel 2005). Si ferma infatti al 3,7 per cento, a un passo dalla soglia che avrebbe permesso di contare qualcosa nella legislazione del Paese. I seggi si sono aperti questa mattina: 6,4 milioni gli elettori chiamati a scegliere i 183 membri della Camera Bassa del Parlamento.

Frank Stronach, paragonato da qualcuno a Silvio Berlusconi, riesce invece a passare lo sbarramento. Durante la campagna elettorale, aveva scioccato tutti con la richiesta della pena di morte per i killer di professione. Per i risultati definitivi, bisognerà comunque attendere domani, quando arriveranno anche i voti espressi per posta, circa 500 mila.