Napoli: 53 milioni di euro falsi in una cantina di Villaricca

I carabinieri di Giugliano, nel Napoletano, hanno sequestrato 53 milioni di euro falsi, stipati in una cantina di Villaricca.

Maxi sequestro di banconote false ieri sera in una cantina di Villaricca. I carabinieri di Giugliano, in provincia di Napoli, hanno scovato ben 53 milioni di euro in banconote false da 100, 50, 20 e 10 euro. E’ stato arrestato un uomo di 50 anni, Antonio Sgambati. Si tratta di uno dei più grossi sequestri mai avvenuti su scala mondiale.

L’incredibile scoperta durante una perquisizione in un’abitazione di corso Europa. I pezzi erano già tagliati, uguali agli originali, e pronti per essere messi in commercio. Sgambati, già noto alle forze dell’ordine, è accusato di falsificazione, spendita e introduzione nello Stato di monete falsificate. E’ tra l’altro il proprietario dell’abitazione.

Per stabilire la qualità della lavorazione e trarre indirizzi investigativi, sono già al lavoro i carabinieri del Noam, il Nucleo operativo antifalsificazione monetaria. La Procura di Napoli Nord ha avviato indagini per ricostruire la catena di responsabilità tra produzione e canali di distribuzione del denaro così abilmente falsificato.

Se il sequestro è davvero sorprendentemente cospicuo, non ci si può stupire altrettanto del luogo utilizzato per la falsificazione. Secondo un rapporto di fine 2014, infatti, ben il 90 per cento delle banconote false nel mondo provengono dal Napoletano. Si tratta in prevalenza di euro, ma anche dollari. Questi soldi vengono distriibuiti anche in Paesi lontani, come la Colombia.