USA, strage Chapel Hill: Craig Hicks uccide tre studenti musulmani

Il movente della strage non è ancora stato chiarito. All’uomo vengono contestati tre capi di accusa di omicidio di primo grado.

Triplice omicidio a Chapel Hill, in North Carolina, una strage compiuta da un folle alla luce dell’allerta terrorismo che ormai da mesi è in vigore anche negli Stati Uniti dopo le minacce dei jihadisti dello Stato Islamico.

Craig Stephen Hicks, 46enne residente a Chapel Hill, ieri sera ha fatto irruzione in un appartamento all’interno del campus dell’Università del North Carolina e ha aperto il fuoco contro i tre ragazzi che si trovavano all’interno, il 23enne Deah Shaddy Barakat, sua moglie Yusor Mohammad, 21 anni, e sua sorella Razan Mohammad Abu-Salha, 19 anni.

Li ha uccisi sparando loro in testa e subito dopo si è lasciato arrestate senza opporre resistenza. I tre sono stati dichiarati morti sulla scena del crimine intorno alle 17 di ieri, ora locale.

I motivi di tanta follia non sono ancora stati chiariti o resi noti, ma il sospetto che i tre siano stati uccisi perchè musulmani è più che concreto. Nihad Awad del Council on American–Islamic Relations ha così commentato questa tragedia:

In base alla natura brutale del crimine, le affermazioni anti-religiose del presunto assassino, l’abbigliamento religioso di due delle vittime e la crescente retorica anti-musulmana nella società americana, chiediamo che le forze dell’ordine facciano chiarezza sulle motivazioni di questa tragedia.

Le autorità di Chapel Hill hanno precisato che a portare l’uomo a compiere la strage potrebbe essere stata una disputa a proposito di un parcheggio:

I nostri inquirenti stanno cercando di capire cosa potrebbe aver spinto il signor Hicks a compiere un atto così tragico e senza senso. Capiamo le preoccupazioni per la possibilità che questo sia stato motivato dall’odio e analizzeremo a fondo ogni pista per determinare se sia stato questo il caso o meno.

L’uomo, intanto, si trova in carcere con l’accusa di omicidio di primo grado.

Via | CNN

I Video di Blogo