Usa: bimbo di due mesi morto di fame, arrestata la madre

Un bambino di due mesi morì ad aprile per denutrizione e disidratazione. Ora è stata arrestata la madre con l’accusa di omicidio.

E’ stata arrestata con la pesante accusa di omicidio – e una cauzione fissata in 100 mila dollari – la 21 enne Brittany Marie Wiest, aspirante modella incinta del terzo figlio, residente negli Stati Uniti, a Smyrna (Tennessee). Il figlio di 59 giorni, Anakin Leroy-Michael, era morto lo scorso 8 aprile. E, si è scoperto a distanza di circa dieci mesi, la causa del decesso è stata la fame. Sommata alla disidratazione.

Quando i medici hanno dichiarato che non si poteva più salvare, il bimbo pesava meno di quando era nato. La madre, la mattina della morte del figlio, era in casa insieme al fidanzato, che non è il padre di Anakin. I due hanno tentato inutilmente di svegliare il bambino, poi hanno chiamato un’ambulanza, dichiarando di non sapere le cause del malore.

Ora, il caso è stato classificato come omicidio. Brittany è intanto alla 24 esima settimana di gravidanza ed è stata condotta in carcere con le accuse di abbandono, abuso aggravato di minore e omicidio. La ragazza era stata già schedata dal Dipartimento dei Servizi per bambini per negligenza nei confronti della figlia di due anni, che ora è sotto custodia dello Stato.

Anakin, il figlio in arrivo e la bimba affidata ai servizi sociali hanno tre padri diversi. Il prossimo 17 febbraio è prevista l’udienza per Brittany davanti ai giudici del tribunale di Rutherford County. Nel frattempo, a meno che non venga pagata la cauzione da 100 mila dollari, la 21 enne aspirante modella resterà sotto le sbarre a riflettere su ciò che ha fatto. Anzi, su ciò che non ha fatto.