Cosenza: rapine e stupri, arrestato cittadino marocchino

Arrestato un marocchino che sarebbe autore di sette rapine, tre stupri e un sequestro in provincia di Cosenza.

Arrestato per rapine e stupri ai danni di donne. E’ stato il gip del tribunale di Castrovillari, in provincia di Cosenza, a convalidare la misura restrittiva ai danni di un cittadino marocchino, fermato dai carabinieri di Cassano Ionio lo scorso 2 febbraio a causa di un furto con violenza sessuale, compiuti il 30 gennaio ai danni di una prostituta.

Sono state quindi effettuate altre indagini che hanno permesso di appurare che l’uomo sarebbe l’autore di altre sette rapine, compiute tra novembre del 2014 e gennaio 2015, una delle quali con l’aggravante del sequestro di persona. Il marocchino avrebbe compiuto poi tre violenze sessuali: insomma, un vero e proprio incubo per le donne della zona.

Secondo i militari dell’Arma, l’uomo utilizzava sempre la stessa tecnica: si appostava in prossimità di incroci della statale 106 e, quando si fermavano allo stop auto con a bordo delle donne, le aggrediva. Proprio il suo marchio di fabbrica su aggressioni, furti e stupri ha permesso ai Carabinieri della compagnia di Corigliano Calabro e della Stazione di Scalo di condurre le indagini in maniera piuttosto veloce.

Il cittadino marocchino era in carcere dallo scorso 2 febbraio in seguito a fortissimi indizi sulla rapina e sullo stupro ai danni di una lucciola, quindi la conferma della notifica di custodia cautelare gli è stata consegnata quando era già dietro le sbarre.