Roma, il falegname Luigi Del Balzo torturato ed ucciso: fermato un collega serbo

Luigi Del Balzo è stato trovato morto ieri sera nella sua abitazione in via Vignale a Roma. A torturarlo ed ucciderlo sarebbe stato un suo collega falegname, un 30enne serbo già arrestato dagli agenti.

Legato ed imbavagliato, poi torturato per ore ed ucciso: è deceduto così Luigi Del Balzo, 43enne dipendente di una falegnameria, trovato in fin di vita, quando ormai era troppo tardi, nella tarda serata di ieri nella sua abitazione a Casal Di Marmo, nel quartiere romano Trionfale.

A dare l’allarme è stato un inquilino dello stabile, preoccupato per i rumori provenienti dell’appartamento dell’uomo. All’arrivo delle autorità non c’è stato nulla da fare: Del Balzo, ridotto in fin di vita e cosparso di benzina, è deceduto tra le braccia degli agenti. La caccia al killer è scattata subito e si è conclusa nelle prime ore di oggi con l’arresto di un uomo, un cittadino serbo collega della vittima.

Alla base del folle gesto, almeno secondo una prima ricostruzione, ci sarebbero motivi economici. Pare che il serbo, 30 anni, avesse preso in affitto un appartamento da Del Balzo, proprio nello stesso stabile in cui lui risiedeva.

Il movente del delitto potrebbe essere collegato proprio a degli affitti non pagati, dei soldi non ricevuti che avrebbero fatto scoppiare la violenta lite finita in tragedia.

Il presunto killer è già in custodia degli agenti e sarà interrogato nel corso delle prossime ore. Intanto amici e familiari di Del Balzo sono già stati sentiti con l’intento di ricostruire i rapporti tra i due uomini ed avere un quadro più completo della situazione.

Via | Il Messaggero