No Tav: arriva Alfano in visita a Chiomonte. Poi i 200 soldati, come permesso dal decreto sicurezza

Il Ministro dell’Interno in visita in Val di Susa, per confermare l’interesse ossessivo del governo delle larghe intese.

di

Duecento soldati in più in Val di Susa. Quando si disse, qui, che il decreto sicurezza sarebbe servito, probabilmente, anche a questo, qualcuno storse il naso e pensò che fossimo complottisti.

Invece l’interpretazione del comma del decreto che consentiva di utilizzare le forze armate dell’esercito per compiti diversi da quelli prestabiliti in passato, allargando le maglie della legge, era perfettamente corretta e lo dimostra il contingente in arrivo (si noti che metà delle forze politiche che hanno approvato la cosa gridarono allo scandalo quando l’esercito a controllo del territorio lo mise Berlusconi).

Insieme ai soldati, o meglio, a precederli, arriva anche l’altra faccia delle larghe intese, quell’Angelino Alfano che aveva promesso il pugno di ferro il giorno in cui si presentava quello che per tutti era il decreto anti-femminicidio e che invece, come avevamo sottolineato, conteneva al suo interno ben altro.

Alfano visita Chiomonte. Dove non c’è affatto il cantiere del tunnel, ma dove si sta scavando la galleria geognostica. Che, in italiano, significa che la galleria serve ad analizzare (via Treccani)

«ciò che riguarda la conoscenza delle caratteristiche del terreno, in specie nei problemi di meccanica dei terreni riguardanti le fondazioni e le costruzioni stradali e idrauliche».

Non è il cantiere, insomma. Sono gli scavi per studiare il terreno. Ma va be’. Alfano arriva dopo Alessandro Pansa: anche il capo della polizia aveva inteso visitare la Val di Susa per dimostrare che

«L’attenzione da Roma verso quest’opera è massima».

Insomma. Un governo delle larghe intese retto dagli interessi di un’ottuagenario ipoteca il futuro dell’Italia promuovendo ossessivamente una grande opera insensata e costosa, che i tempi di crisi suggerirebbero di abbandonare.

Questo è il paese delle larghe intese.

Ultime notizie su NO-Tav

Tutto su NO-Tav →