Omicidio Garlasco, in aula occhi puntati sul pc di Alberto Stasi

UPDATE! ORE 20.54:L’Ansa comunica che i pm hanno chiesto il rinvio a giudizio di Alberto Stasi per l’omicidio di Chiara Poggi e la detenzione di materiale pedopornografico. UPDATE! ORE 16.00:Il gup Stefano Vitelli si è riservato la possibilità di disporre una nuova perizia sul pc di Alberto Stasi. Il giudice ha inoltre respinto il dissequestro

UPDATE! ORE 20.54:
L'Ansa comunica che i pm hanno chiesto il rinvio a giudizio di Alberto Stasi per l'omicidio di Chiara Poggi e la detenzione di materiale pedopornografico.

UPDATE! ORE 16.00:
Il gup Stefano Vitelli si è riservato la possibilità di disporre una nuova perizia sul pc di Alberto Stasi. Il giudice ha inoltre respinto il dissequestro del pc, delle scarpe e della bicicletta, perchè ancora utili ai fini del processo.

Una giornata importante oggi a nel tribunale di Vigevano, dove è in corso l'udienza preliminare per l'omicidio di Chiara Poggi, uccisa a Garlasco il 13 agosto 2007 e per cui l'unico imputato è Alberto Stasi, il fidanzato. Quest'ultimo sta affrontando anche l'udienza parallela per il materiale pedopornografico trovato nel suo computer.

Il Gup oggi dovrà decidere quali obiezioni accogliere tra quelle presentate dai legali di Stasi nella scorsa udienza.

Occhi puntati sul computer, che il giudice, al momento in camera di consiglio, dovrà decidere se ammettere o meno come prova per decidere l'eventuale rinvio a giudizio. Secondo la difesa il computer è stato manomesso.

Nessuna certezza, invece, che sul dispenser del sapone ci siano le impronte di Alberto miste al Dna di Chiara. Un indizio rilevato dall'accusa che il consulente della difesa non ritiene invece valido.

La difesa ha chiesto anche che non vengano ammesse alcune intercettazioni telefoniche tra Alberto e i suoi legali, così come non si tenga conto della consulenza firmata dall'ingegnere del Politecnico di Torino Piero Boccardo. Secondo l'esperto era impossibile che Alberto non si fosse sporcato le scarpe calpestando il pavimento sporco di sangue della villetta di via Pascoli.

Dopo la decisione del gup la parola passerà al pm Rosa Muscio che ricostruirà in aula la dinamica del delitto.

La decisione del giudice delle indagini preliminari è attesa non prima delle 13.30.