Adelfia: 35enne ucciso in un agguato davanti al bar

La vittima è Giuseppe Falco, con precedenti per piccoli reati

Agguato ad Adelfia (Bari) dove stamattina è stato ucciso Giuseppe Falco, 35 anni, già noto alle forze dell’ordine. L’uomo è stato raggiunto da più alcuni colpi di pistola calibro 7.65 davanti a un bar che si trova in via generale Carlo Alberto Dalla Chiesa.

Secondo quanto riportano i quotidiani locali Falco aveva dei precedenti per furto di materiale ferroso e droga, ma chi indaga non in questa fase non esclude nessuna pista, tra cui anche un possibile movente passionale.

Poco dopo l’omicidio sul posto sono arrivati i carabinieri di Adelfia, del nucleo investigativo del comando provinciale di Bari e della compagnia di Triggiano che hanno avviato le indagini.

Ad eseguire i rilievi recuperando anche i bossoli esplosi sono stati invece i militari del sezione investigazioni scientifiche. Giuseppe Falco sarebbe stato freddato con almeno almeno quattro colpi di pistola che l’avrebbero centrato alla schiena. La dinamica dell’agguato è in fase di ricostruzione, il magistrato di turno ha già disposto l’autopsia sul cadavere della vittima.

Secondo quanto riporta la Repubblica Bari gli investigatori ritengono che Falco negli anni scorsi sarebbe stato vicino ad ambienti legati al clan Stramaglia ma che non era certo un pezzo grosso dell’organizzazione mafiosa barese. Subito prima del fatto di sangue il 35enne era in compagnia di quattro persone davanti al bar Les Amis quando in un istante si è materializzato il killer in sella a una moto che dopo aver fatto fuoco è fuggito facendo perdere le sue tracce.

Prontamente soccorso Falco è stato portato all’ospedale “Di Venere” di Carbonara dove é deceduto poco dopo il suo arrivo per una emorragia causata dalle gravi ferite riportate.

agguato giuseppe falco