Riparte il blog Reporters, “ospite” Paolo Saluzzi

Ebbene sì, il blog Reporters è ripartito con un nuovo autore: Joshua Evangelista, che nel primo post ha ospitato le dichiarazioni di Paolo Saluzzi lanciando un interessante spunto di riflessione intorno al quale potrete discutere assieme al nuovo blogger di Reporters. di Joshua Evangelista Un’informazione di pancia, una comunicazione sentita. Sarebbe questa la ricetta del

Ebbene sì, il blog Reporters è ripartito con un nuovo autore: Joshua Evangelista, che nel primo post ha ospitato le dichiarazioni di Paolo Saluzzi lanciando un interessante spunto di riflessione intorno al quale potrete discutere assieme al nuovo blogger di Reporters.

di Joshua Evangelista

Un'informazione di pancia, una comunicazione sentita. Sarebbe questa la ricetta del buon giornalista per Paola Saluzzi, ospite della facoltà di Lettere e filosofia della Lumsa, a Roma.

Cosa spinge a comunicare? Secondo la presentatrice dell'approfondimento pomeridiano di Sky Tg24 , per trasmettere quello che ha raccolto, il giornalista deve provare.

Ho pensato che la 14enne della Caffarella fosse mia figlia, le domande giuste le fai solo se provi l'orrore sulla tua pelle. Un giornalismo terrestre, di chi vive, patisce, si emoziona. Non bisogna mai perdere la lucidità, ma allo stesso tempo non possiamo cadere nella trappola di considerare i fatti come numeri. Dobbiamo sentire il dolore, scandalizzarci. Il tutto dopo essere diventati parte della notizia, averla studiata e averla confrontata con la nostra memoria, di uomini prima che di giornalisti.

E questo giornalismo "umano" è quello di Sky? Anche noi di Sky siamo eredi della grande scuola Rai, una favolosa eredità. Mi riferisco a quel modo di fare il telegiornale alla Volcic, alla Curzi.

[continua a leggere e commenta su Reporters]