Garlasco, le ultime foto di Chiara Poggi e quella macchina fotografica scomparsa

UPDATE! Sabato 7 marzo, ore 13.50:Udienza aggiornata al 13 e 17 marzo. Lo ha deciso il Gup, scrive l’agenzia Ansa. L’udienza del 13 dovrebbe essere dedicata alla replica per la difesa delle eccezioni. Il 17 toccherebbe alla Procura. A determinare il rinvio una nuova relazione dei Ris.… A un giorno dalla ripresa dell’udienza preliminare per

UPDATE! Sabato 7 marzo, ore 13.50:
Udienza aggiornata al 13 e 17 marzo. Lo ha deciso il Gup, scrive l'agenzia Ansa. L'udienza del 13 dovrebbe essere dedicata alla replica per la difesa delle eccezioni. Il 17 toccherebbe alla Procura. A determinare il rinvio una nuova relazione dei Ris.

A un giorno dalla ripresa dell'udienza preliminare per l'omicidio di Chiara Poggi, emergono nuove rivelazioni sul caso Garlasco. Non solo una chiavetta Usb, ma anche una macchina fotografica Nikon L4, collegata al pc di Alberto Stasi il 9 agosto 2007, quattro giorni prima dell'omicidio mancano all'analisi dei periti.

A rivelarlo è "la Provincia Pavese", che riporta quanto scrive l'ingegner Paolo Reale, perito dei Poggi, nella relazione al gup: "Rimane traccia di un link cancellato, che punta a un'immagine anche questa non rintracciabile sul pc".

Spunta quindi l'ennesimo mistero nello scenario sempre più complicato del delitto di Garlasco. A chi apparteneva quindi la Nikon? Alberto Stasi, prima del delitto di Chiara Poggi, usava una macchina fotografica digitale Sony Dsc. Ma alle 16.50 di giovedì 9 agosto 2007 al suo pc è stata collegata (un'unica volta), la Nikon Coolpix L4. 

Nel frattempo sono state pubblicate le ultime foto di Chiara a Londra. Scattate quando la giovane si era recata a trovare Alberto in vacanza con il suo amico del cuore.

Poi tante altre foto (ingenue o meno non sta a noi giudicarlo) scattate con il suo cellulare "probabilmente all'insaputa", dice Reale "dei soggetti ripresi". Protagoniste scarpe femminili, indumenti intimi visibili. Infine nella memoria del pc, materiale fetish e, scrive Corriere, sottodirectory che hanno nomi tipo "amateur", "big", "orgy", "pregnant", "virgin", "mature", "forced", "facial". 

Insomma il computer di Stasi sempre più punto chiave dell'inchiesta: è alibi e accusa.

I Video di Blogo

Video: punto stampa di Conte a Cerignola