Caffarella, tutti i test scagionano i due romeni. Parte la caccia al “terzo uomo”

UPDATE! h.16.00E’ stata smentita la ricerca di un terzo uomo. Continua il giallo dello stupro della ragazzina al parco della Caffarella: se ieri c’erano solo sospetti, oggi è una certezza (foto Affaritaliani). I test scagionano i due romeni arrestati, Karol Racz e Alexandru Isztoika Loyos/Loais. Se Loyos in un primo momento ha confessato, ma poi

UPDATE! h.16.00
E' stata smentita la ricerca di un terzo uomo.

Continua il giallo dello stupro della ragazzina al parco della Caffarella: se ieri c'erano solo sospetti, oggi è una certezza (foto Affaritaliani). I test scagionano i due romeni arrestati, Karol Racz e Alexandru Isztoika Loyos/Loais.

Se Loyos in un primo momento ha confessato, ma poi ha ritrattato, perchè lo avrebbe fatto?

E' reale l'alibi di Racz che ha sempre detto di trovarsi da un'altra parte mentre veniva compiuto lo stupro?

A meno che il test del Dna sia stato contaminato e quindi sia inattendibile, pare proprio che il liquido seminale e le tracce di saliva lasciate sui mozziconi di sigarette "Winston Light" fumate durante lo stupro non appartengono ai due accusati, ma ad altre due persone. Gli investigatori garantiscono che si tratta di

"Profili genetici che prima o poi troveranno i loro proprietari certi"

Abbiamo trovato su Indymedia un articolo di l'Ingenuo che avanzava già almeno dieci giorni fa qualche dubbio. Soprattutto sull'identikit: si parlava di un ragazzo tra i 20 e i 25 anni, con una folta frangia che copriva la fronte, mentre uno dei due arrestati è completamente stempiato. Secondariamente si è parlato di un giovane alto circa un metro e 75 mentre gli arrestati sono molto più bassi.

Lunedì prossimo i due indagati dovranno comparire di fronte al tribunale del Riesame ed è possibile che venga richiesta la scarcerazione.

Si dovrà ricominciare da zero, battendo palmo a palmo la zona e lavorando di nuovo con le foto e gli identikit. La cosa che fa pensare però è, se adesso i due romeni saranno scarcerati, dopo le tonnellate di polemiche, le ronde, i decreti approvati in fretta e furia, le accuse e le crisi diplomatiche finirà tutto in una bolla di sapone?

Le indagini intanto si concentrano sulla ricerca di un "terzo uomo", forse proprio colui che è stato "protetto" da Loyos con la sua falsa confessione.

I Video di Blogo

Il video degli sciatori ammassati nella funivia a Cervinia