6 NAZIONI 2009 – Mallett: “Dimissioni? Non rispondo, e non parlo neanche di Marcato” Insomma, che cosa cavolo vieni a fare in conferenza stampa?

L’educazione è una brutta bestia. Soprattutto quando ti trovi a parlare davanti a tante persone. E se non ce l’hai, se sei nervoso, se ti senti sconfitto allora diventa una bestia pericolosissima. Così Nick Mallett, coach dell’Italia, risponde a tono prima a me, che gli chiedo dell’ennesimo esperimento fallito, e poi a Francesco Costantino, reo

L'educazione è una brutta bestia. Soprattutto quando ti trovi a parlare davanti a tante persone. E se non ce l'hai, se sei nervoso, se ti senti sconfitto allora diventa una bestia pericolosissima. Così Nick Mallett, coach dell'Italia, risponde a tono prima a me, che gli chiedo dell'ennesimo esperimento fallito, e poi a Francesco Costantino, reo solo di aver detto "Le dimissioni sembra che non ci siano". Ecco, Mallett non si dimette, ma le figuracce continuano.

Domani potrete vedere il video della conferenza stampa tenuta al Murrayfield dopo Scozia-Italia. Ma le certezze che abbiamo sono due: Mallett non sa più che pesci pigliare, non sa più come difendere le scelte folli che fa e non accetta le critiche.

A mia precisa domanda: "Anche oggi l'ennesimo esperimento fallito. Non sarebbe ora di cambiare strada, visto che è da un anno che giochiamo male?" il coach sudafricano ha parlato esclusivamente del fatto che McLean è la migliore apertura che abbiamo e, riguardo Marcato ha detto "Sono stufo di parlare di queste cose, quindi non parlo". Complimenti!

Poi, alla domanda del collega Costantino, che ha esordito dicendo "E' chiaro che non vuole dimettersi…" Mallett ha reagito in maniera cafona e antipatica con un poco educato "Se vuoi un altro allentatore trovalo. Io non me ne vado".

Ecco, così è iniziata e si è conclusa la conferenza stampa più tesa degli ultimi anni dell'Italia ovale. Ora ci sarà molto da ricostruire, dentro e fuori dallo spogliatoio. Perché questo gruppo si sta sfaldando, le certezze stanno crollando clamorosamente e sarà difficile risalire la china. E, ripeto, che piaccia o meno al signor Mallett, la china si risale solo senza di lui. Anche se vuole non capire le domande o decide di non rispondere!