Tagliamoci le ferie per far salire il Pil, lo chiede Polillo

Il sottosegretario all’Economia, quello della tassa sugli animali, ha una ricetta per uscire dalla crisi

di guido

Quante volte avremo sentito un discorso da bar in cui qualcuno propone di uscire dalla crisi tagliando lo stipendio ai politici? Ecco, adesso la politica (o meglio, un politico) si vendica rovesciando il ragionamento: vogliamo uscire dalla crisi? Cominciamo a toglierci una settimana di vacanze. A dirlo è il sottosegretario all’Economia Gianfranco Polillo, uno che dall’inizio del governo tecnico ha già fatto parlare di sé.

Secondo il sottosegretario, con una settimana in più di lavoro l’anno si farebbe crescere il Prodotto interno lordo dell’1%, tanto è vero che “settori illuminati” dei sindacati “ci stanno già pensando”. A dire il vero l’idea di Polillo non è né nuova né originale: nel 2004 l’economista Fiorella Kostoris Padoa Schioppa fece la stessa proposta al Sole24Ore, anche se la rinuncia a 7 giorni di vacanza avrebbe secondo lei fatto crescere il Pil solo dello 0,1%.

Ma, a parte la differenza nei risultati previsti, Polillo deve avere una strana concezione delle ferie, visto che secondo lui gli italiani lavorano solo 9 mesi l’anno, come ha ribadito anche su Twitter (forse si confonde con i politici), ed effettivamente una settimana in meno su 3 mesi non sarebbe un grosso sacrificio. Peccato che siano pochissimi quelli che possono permettersi ferie così lunghe.

D’altronde nemmeno un mese fa Polillo appoggiò una tassa su cani e gatti – considerati beni di lusso – per prevenire il randagismo: spernacchiato a destra e a manca, dopo poche ore disse che il suo era solo uno scherzo. Così come quando aveva proposto una soluzione estemporanea per gli esodati (annullare gli accordi tra lavoratori e aziende) ed era riuscito nell’impresa di mettere d’accordo governo e sindacati nel criticarlo. Ma Polillo evidentemente non riesce a stare troppo tempo senza esternare le sue idee incomprese, anche a costo di scatenare le prevedibili risposte: “Cominci a lavorare di più lui” hanno detto i sindacati.

Foto | © TM News