Sindaco di Mosca: vince l’uomo di Putin Sergei Sobyanin. Navalny denuncia brogli

Sergei Sobyanin potrebbe essere rieletto già al primo, ma il leader dell’opposizione Alexei Navalny sembra aver centrato un inatteso 30%

Aggiornamento 9 settembre, ore 10:55 – Il sindaco di Mosca uscente Sergei Sobyanin, 55 anni, ha vinto le elezioni municipali al primo turno, sconfiggendo lo sfidante Alexei Navalny, blogger ed attivista per i diritti civili in Russia. Appoggiato dal presidente Putin, Sobyanin ha ottenuto il 51,37% dei voti, contro il 27,24% di Navalny, il quale denuncia brogli e irregolarità:

“I risultati dell’affluenza sono stati resi noti ore dopo la chiusura dei seggi: quello che e’ avvenuto e’ una falsificazione. Non cederemo nemmeno un voto.”

ha detto il blogger, annunciando una manifestazione per questa sera a Mosca. Al terzo posto si è piazzato il numero due del partito comunista, Ivan Melnikov (10,69%).

Netto vantaggio per l’uomo di Putin, cresce il dissenso

Nella votazione per l’elezione a sindaco di Mosca, gli oppositori politici di Vladimir Putin hanno registrato il più significativo risultato elettorale degli ultimi 13 anni. Secondo i primi exit poll, dopo la chiusura delle urne avvenuta alle 20 ora locale, il leader dell’opposizione Alexei Navalny avrebbe ricevuto il 30% dei voti nella corsa a sindaco della capitale russa.

Certo il sindaco uscente Sergei Sobyanin ha ricevuto oltreil 50% dei voti, ma per Navalyn era stato ipotizzato un 20% in più e, invece, secondo le stime sarebbe arrivato al 30% delle schede. Un grande risultato, ottenuto senza i vantaggi finanziari, amministrativi e e di sostegno dei quali ha potuto godere il candidato sostenuto da Putin.

E per un Putin che osserva con il suo sguardo glaciale l’evoluzione della crisi siriana, ben conscio di essere il più solido alleato di Bashar al-Assad, non è certo una buona notizia veder crescere lo scontento nel cuore della Russia. Un conto se il dissenso si manifesta ai confini del Paese, come in Cecenia. Ben diverso è, invece, se l’opposizione cresce nella capitale in cui Putin ha costruito la sua veloce ascesa al potere.

Prima delle votazioni, gli esperti davano a Navalny il 20% come obiettivo estremamente ambizioso.Ora staremo a vedere se con i risultati definitivi Sobyanin riuscirà a superare il 50% ed essere rieletto al primo turno. In caso contrario la lotta con Navalny diventerebbe interessante e non priva di sorprese.

Via | The Guardian

Foto © Getty Images