Piazzapulita, puntata 9 settembre 2013, Santanchè: “Pdl diserti i lavori in giunta”

La terza stagione del talk show di La7 viene inaugurata da una puntata tutta dedicata a Berlusconi.

00.25 Finisce la puntata

Piazzapulita, puntata 9 settembre 2013: FOTO
00.19 Pubblicità.
00.18 Santanchè si augura che i membri del Pdl domani non si presentino in giunta all’insegna del principio della reciprocità e non più della responsabilità tutta sulle spalle di Berlusconi.
00.16 Anche secondo Annunziata Berlusconi “morirà col sangue da gladiatore nell’arena”. Idem Annunziata secondo cui l’1 agosto c’è stato un colpo di Stato con la condanna di Berlusconi.
00.14 Per Guzzanti Berlusconi, nonostante tutto, seguiterà a fare politica.
00.12 Secondo Mieli Berlusconi deve ritirarsi dalla scena politica “nel suo interesse”.
00.08 De Gregorio avrebbe anche bloccato una rogatoria che i giudici di Milano avevano fatto ad Hong Honk per il processo Mediatrade.
00.03 Pubblicità.
00.02 Santanchè ritiene che il governo potrebbe cadere; ma perché a volerlo è il Pd e non il Pdl.
00.01 Schifani intanto ha ipotizzato che domani i parlamentari del Pdl potrebbero disertare la giunta. Verdini:

Se il Pd vota per la decadenza di Berlusconi, il Pdl deve reagire.

00.00 Santanchè ci tiene a precisare che il governo Prodi è caduto per colpa della magistratura. Verdini concorda.
23.58 Secondo il coordinatore Pdl fu De Gregorio a fare richieste esose a Verdini, ma quest’ultimo lo “mandò a fare un giro”.
23.54 L’onorevole Verdini al telefono, invita Damilano a considerare anche i cambiamenti di casacca dal Pdl al centrosinistra. Poi definisce “balla” quella raccontata da De Gregorio in merito ai presunti 2 milioni di euro versati in nero e alla presunta compravendita di Barbareschi.

23.51 Damilano svela che in Parlamento si discute già di cosa succederà nel caso in cui i senatori del Pdl si sfilassero dal governo Letta. In ballo ci sarebbero 20 senatori, che al momento giurano fedeltà a Berlusconi.
23.49 Damilano ritiene che ci sia correlazione tra il Porcellum e la compravendita dei parlamentari.
23.42 De Gregorio racconta anche come Barbareschi fu convinto a tornare da Berlusconi tramite una fiction Mediaset che Verdini avrebbe fatto in modo gli fosse assegnata.
23.38 De Gregorio ha confessato di aver preso soldi: 1 milione di euro (ufficialmente) dal Pdl e 2 (in nero) da Lavitola.
23.36 La lettera di Lavitola a Berlusconi, in cui ammette di aver comprato De Gregorio ed altri.

23.35 L’ex portavoce di Prodi racconta come alcuni parlamentari svelarono di essere stati contattati da uomini di Berlusconi al fine di far cadere il governo del centrosinistra.
23.33 Si passa al processo sulla compravendita dei parlamentari che portò alla caduta del governo Prodi. In onda un servizio con le dichiarazioni di De Gregorio.
23.27 Carlassare sostiene che la legge Severino non sia incostituzionale e che la questione della retroattività non sta in piedi.
23.26 Santanchè accusa Formigli di fare disinformazione e ripete che non è facile sapere a quale corrente appartengono i giudizi.
23.23 Tra i 12 magistrati che hanno giudicato Berlusconi nel processo Mediaset nei tre gradi di giudizio nessuno appartiene a magistratura democratica: Esposito per esempio fu eletto col sostegno di “magistratura indipendente” e non di quella democratica.
23.22 Santanchè torna a dire che l’Italia è “l’unico paese in cui la magistratura è divisa in correnti”. Poi afferma che “magistratura democratica è una setta segreta” che usa la giustizia per fini politici.
23.19 Esposito spiega che se si fosse aspettato un giorno in più il processo di Berlusconi avrebbe rischiato la prescrizione. Il documento di Formigli non ci sembra fornisca novità clamorose perché conferma semplicemente che è stata chiamata in causa la sezione feriale per evitare la prescrizione.


23.16 In onda il frammento inedito della telefonata di Antonio Esposito con il giornalista Manzo de Il Mattino.
23.12 Guzzanti nota un dato di fatto: il Pdl coincide con il suo leader; pertanto il partito non può prescindere da Berlusconi.
23.09 Secondo Mieli chi ci rimette di più in caso di caduta del governo Letta è il centrodestra.

23.07 Mieli nota che i compromessi politici sono sempre faticosi, in tutti gli Stati. Poi aggiunge:

Penso che Berlusconi debba accettare la condanna e ritirarsi. A che serve prendere tempo?

23.03 Santanchè interrompe Annunziata secondo cui la frode fiscale di Berlusconi è verità, essendo arrivata la condanna definitiva.
23.01 Formigli chiede a Annunziata perché il Pd resta alleato col Pdl nonostante la condanna di Berlusconi.
22.55 Pubblicità.
22.54 Secondo la testimonianza di David Mills “lo scopo di Silvio era destinare parte del patrimonio a tutela di Marina e Pier Silvio Berlusconi”.
22.53 Il fondo del capitale nero racimolati dalle 64 società off-shore.

22.51 Silvia Cavanna, per 20 anni dirigente Fininvest, ha fatto luce sul sistema messo in piedi da Berlusconi per frodare il fisco.
22.49 Un servizio riepiloga per cosa è stato condannato Berlusconi.
22.48 Carlassare chiosa rivendicando – di fronte a Santanchè – di non essere “mai stata dalla vostra parte”
22.45 Carlassare cita l’articolo 54 della Costituzione che sostiene che a chi è affidato un ruolo istituzionale deve metterlo in pratica con “disciplina e onore”.
22.43 Santanchè nega perfino che Berlusconi sia stato condannato per frode fiscale perché “qui non c’è diritto”. Carlassare su Violante: “Il fatto che pianga non mi dispiace. Berlusconi si è difeso in tre gradi di giudizi”.

22.41 Secondo Carlassare alcuni elettori del Pdl si riconoscono in Berlusconi in quanto frodatore del fisco.
22.39 La costituzionalista Lorenza Carlassare spiega che il costituzionalismo è nato per porre limiti e regole al potere. Poi precisa che chi è stato votato non può essere messo per questo in una posizione diversa rispetto agli altri cittadini.
22.37 La base critica fortemente Violante, che, nella sua difesa, si commuove.

22.34 Una militante non ha apprezzato l’intervento su Il Corriere della Sera di Violante e lo spiega direttamente al democratico: “Ti avrei ammazzato, ti avrei ucciso”.

22.31 Violante precisa di aver solo sostenuto che a Berlusconi va garantito il diritto di difesa.

22.25 Pubblicità.
22.25 Santanchè: “Quando c’è Berlusconi, non c’è il diritto, ma la prova provata”.
22.23 Civati si dice tranquillo e assicura che non resta che aspettare quel che accadrà in giunta, dove il Pd è unito e voterà a favore della decadenza.

22.21 Petrini raccoglie le testimonianze della base del Pd. C’è anche Civati.
22.19 Petrini in collegamento da Sesto San Giovanni (Milano), dove sta parlando Guglielmo Epifani che ha ribadito che “la legge è uguale per tutti e va applicata”.
22.18 Annunziata cita Schifani che ha parlato di “camera a gas” preparata dal Pd.
22.13 Secondo Guzzanti Augello ha sbagliato quest’oggi. Poi ipotizza la revisione del processo Mediaset per sopravvenuti fatti nuovi.

22.12 Santanchè cambia argomento, non volendo rispondere alla domanda di Mieli: “Secondo lei Berlusconi deve andare in prigione”. Il pubblico in studio borbotta.
22.10 Mieli invita Berlusconi a rispettare la sentenza che lo ha condannato: “inizi ad andare in prigione”.
Santanchè: “Berlusconi in prigione non lo mettono”.
22.08 Mieli dice che stanotte il Pdl potrebbe capire che minacciare la caduta del governo Letta è vano perché l’esecutivo non è espressione del solo centrosinistra.

22.05 Annunziata difende Mieli perché “è giusto che un giornalista abbia delle idee”. Santanchè accusa i presenti in studio di avere fretta di far fuori Berlusconi per andare subito al voto.
22.01 Santanchè nota che la legge Severino finora non è mai stata applicata a senatori della Repubblica. Poi ricorda che Mieli in passato aveva rivelato di votare per Prodi attraverso un endorsement.
21.56 La risposta dopo la pubblicità.
21.55 La domanda di Mieli:

Santanchè, perché non vi siete accorti prima dell’incostituzionalità della legge Severino, quando è stata applicata su altri cittadini?

21.53 Mieli prevede che “eleggeranno un nuovo referente in giunta ed entro inizio ottobre il caso sarà chiuso”. Poi definisce “debole” la posizione del centrodestra.
21.51 Annunziata osserva che Augello ha presentato soltanto delle istanze pregiudiziali, che formalmente sono più facilmente bocciate. Che lo abbia fatto per accelerare i tempi?
21.47 Giarrusso nega l’esistenza dell’asse M5S-Pd. Poi svela che Caliendo all’interno della discussione in giunta ad un certo punto ha sbottato:

Basta, siamo tutti qui a lavorare per Berlusconi!


21.44 In collegamento c’è il parlamentare del M5S, Mario Michele Giarrusso.
21.43 Santanchè rivendica questa frase, da lei pronunciata dopo che il Pdl aveva votato a favore della legge Severino. Però, spiega oggi, il concetto contenuto in questa asserzione viene meno se la giustizia non è uguale per te.

21.42 Santanchè ribadisce: “Oggi formalmente il Partito democratico ha aperto la crisi di governo”.
21.38 Santanchè dice che la giunta “avrebbe dovuto recepire se ci sono profili di incostituzionalità nella legge Severino”. Poi annuncia:

Oggi è avvenuto qualcosa di più grave, cioè che il Pd ha aperto la crisi.


21.37 Formigli presenta gli ospiti in studio.
21.35 Casellato nega che la legge Severino sia già stata applicata in 35 casi.
21.29 Sortino intervista Emilio Fede, il quale ricorda di essere stato condannato a 7 anni. Poi assicura che Berlusconi non staccherà la spina al governo.
21.24 Pubblicità.
21.23 Un frammento inedito della telefonata del giudice Esposito al giornalista de Il Mattino. In esso il giudice che ha condannato Berlusconi spiega che a Milano c’è stata un’accelerazione nel processo Mediaset per evitare la prescrizione. Niente di particolarmente scottante, almeno per ora. Comunque Formigli annuncia anche un’intervista a Sergio De Gregorio.

21.22 In onda una parte del videomessaggio di Berlusconi, che respinge l’accusa di aver frodato il fisco.
21.20 Inizia la diretta. Nell’anteprima Formigli sottolinea l’anomalia tutta italiana che si chiama Berlusconi: pregiudicato, ma anche possibile vincitore delle prossime elezioni.

Si intitola Nessuno mi può giudicare la puntata che segna il ritorno in onda su La7 questa sera alle ore 21.10 di Piazzapulita, il talk show condotto da Corrado Formigli. L’appuntamento di stasera – seguito interamente in liveblogging da PolisBlog – si occuperà dell’intricata situazione politica italiana, con riferimento specifico alla possibile decadenza da senatore di Silvio Berlusconi. Nel corso della puntata saranno trasmesse delle “rivelazioni inedite” del giudice Antonio Esposito, presidente della sezione della Corte di Cassazione che ha condannato il Cavaliere a quattro anni di reclusione per frode fiscale.
Inoltre verrà raccontata in diretta la discussione in Senato proprio sul tema sulla decadenza del leader del Pdl, da cui potrebbe dipendere il futuro del governo Letta. Infine annunciata una “una ricostruzione, un’operazione verità sulla compravendita dei parlamentari che fece cadere il governo Prodi” e che è poi materia del prossimoprocesso che coinvolgerà Berlusconi.
Ospiti in studio, ad inaugurare la terza stagione di Piazzapulita, saranno Daniela Santanchè (Pdl), il Presidente di Rcs libri Paolo Mieli, la direttrice de L’Huffingtonpost.it Lucia Annunziata, il giornalista de L’Espresso Marco Damilano, Paolo Guzzanti de Il Giornale e la costituzionalista Lorenza Carlassare. Inoltre, è previsto il collegamento dalla Festa Democratica di Milano dove interverrà il segretario del Pd, Guglielmo Epifani, e Peppe Civati.

Piazzapulita, puntata 9 settembre 2013: FOTO
Piazzapulita, puntata 9 settembre 2013: FOTO
Piazzapulita, puntata 9 settembre 2013: FOTO
Piazzapulita, puntata 9 settembre 2013: FOTO
Piazzapulita, puntata 9 settembre 2013: FOTO
Piazzapulita, puntata 9 settembre 2013: FOTO
Piazzapulita, puntata 9 settembre 2013: FOTO
Piazzapulita, puntata 9 settembre 2013: FOTO
Piazzapulita, puntata 9 settembre 2013: FOTO
Piazzapulita, puntata 9 settembre 2013: FOTO
Piazzapulita, puntata 9 settembre 2013: FOTO
Piazzapulita, puntata 9 settembre 2013: FOTO
Piazzapulita, puntata 9 settembre 2013: FOTO
Piazzapulita, puntata 9 settembre 2013: FOTO
Piazzapulita, puntata 9 settembre 2013: FOTO
Piazzapulita, puntata 9 settembre 2013: FOTO
Piazzapulita, puntata 9 settembre 2013: FOTO
Piazzapulita, puntata 9 settembre 2013: FOTO
Piazzapulita, puntata 9 settembre 2013: FOTO
Piazzapulita, puntata 9 settembre 2013: FOTO
Piazzapulita, puntata 9 settembre 2013: FOTO
Piazzapulita, puntata 9 settembre 2013: FOTO
Piazzapulita, puntata 9 settembre 2013: FOTO
Piazzapulita, puntata 9 settembre 2013: FOTO
Piazzapulita, puntata 9 settembre 2013: FOTO
Piazzapulita, puntata 9 settembre 2013: FOTO
Piazzapulita, puntata 9 settembre 2013: FOTO
Piazzapulita, puntata 9 settembre 2013: FOTO
Piazzapulita, puntata 9 settembre 2013: FOTO
Piazzapulita, puntata 9 settembre 2013: FOTO

Ultime notizie su Piazzapulita

Tutto su Piazzapulita →