Le motivazioni della Sentenza Dell’Utri mettono sotto accusa Berlusconi

Un patto tra il Cavaliere e Cosa Nostra: soldi in cambio di protezione.

di andreas

La condanna a Dell’Utri per concorso esterno in associazione mafiosa risale ormai a sei mesi fa, ma oggi si torna a parlare di quella vicenda perché sono state depositate le motivazioni della sentenza alla base dei 7 anni inflitti all’ex senatore e socio storico di Silvio Berlusconi. E proprio Silvio Berlusconi in quelle motivazioni viene tirato direttamente in ballo.

Ecco quanto hanno scritto i giudici della terza sezione penale della Corte di appello di Palermo: “Dell’Utri è stato il mediatore contrattuale di un patto tra Cosa Nostra e Silvio Berlusconi tra il 1974 e il 1992. Non si è mai sottratto al ruolo di intermediario tra gli interessi dei protagonisti e ha mantenuto sempre vivi i rapporti con i mafiosi di riferimento”.

Il “patto” venne stipulato nel maggio 1974 quando “è stato acclarato definitivamente che Dell’Utri ha partecipato a un incontro organizzato da lui stesso e da Gaetano Cinà a Milano, presso il suo ufficio. Tale incontro, al quale erano presenti Dell’Utri, Gaetano Cinà, Stefano Bontade, Mimmo Teresi, Francesco Di Carlo e Silvio Berlusconi, aveva preceduto l’assunzione di Vittorio Mangano presso Villa Casati ad Arcore, così come riferito da Francesco Di Carlo e de relato da Antonino Galliano, e aveva siglato il patto di protezione con Berlusconi”.

Ed è da quell’incontro che nasce il rapporto che ha stretto Berlusconi a Cosa Nostra con la mediazione di Dell’Utri. Ma che cosa diceva il patto? Che Berlusconi avrebbe avuto la garanzia della protezione personale, pagandola con denaro che veniva versato a Cosa Nostra per tramite proprio dell’ex senatore. In tutto questo rientra anche l’assunzione ad Arcore di Vittorio Mangano, che divenne stalliere “per garantire un presidio mafioso nella villa dell’imprenditore milanese”.

Ultime notizie su Governo Italiano

Tutto su Governo Italiano →