Siria, l’accusa della Russia: “Le armi chimiche le hanno usate i ribelli”

Un report accusa l’opposizione siriana per l’attacco del 19 marzo vicino ad Aleppo. E contribuisce ad aumentare i dubbi.

di andreas

Se la pubblicazione del video in cui i ribelli fucilano sette soldati di Assad sta ponendo nuovi interrogativi all’Occidente, anche le accuse della Russia non possono essere prese sottogamba. Mosca ha presentato un report per dimostrare che l’attacco chimico avvenuto a Khan al-Assal, vicino Aleppo, il 19 marzo è stato opera dei ribelli.

Ora, che la Russia cerchi di alleviare la pressione sul regime di Damasco potrebbe essere una semplice questione di tattica, visto che Mosca è alleata della Siria, ma questo non è sufficiente per non dare ascolto alla posizione del ministro degli Esteri russo, Sergej Lavrov; visto soprattutto che questo sospetto non rappresenta una novità assoluta.

“I campioni rilevati sul terreno della tragedia in cui 26 civili e soldati siriani sono morti e 86 sono stati feriti dello scorso 19 marzo, dimostrano che la carica usata non era dell’esercito siriano, ma fatta in casa: il tipo e le caratteristiche sono simili ai proiettili prodotti nel nord della Siria dalla cosiddetta Brigata Bashari an-Nasr. La Ciclonite, che non è usata nelle armi chimiche regolari, è stata usata come carica principale della munizione”.

È evidente come la cosa vada approfondita: la ragione per cui gli Stati Uniti sarebbero vicini ad attaccare Damasco sta proprio nell’utilizzo di armi chimiche, che lo stesso Obama aveva definito la “linea rossa da non valicare”. E il Segretario di Stato John Kerry ha detto solo pochi giorni fa di non avere dubbi sul fatto che sia stato il regime di Assad a usare queste armi chimiche (qualche dubbio, però, potrebbe essere trapelato ed essere la causa dei tentennamenti del presidente USA).

La strage a cui gli Stati Uniti fanno riferimento non è quella di marzo, ma quella più recente del 21 agosto, che ha provocato la morte di 1.400 persone. E però. questo report russo getta un’ombra, quanto meno sulla certezza che le armi chimiche siano state usate solo dal regime.