Ping Pong: botte (e risposte) della giornata politica

Leggi e commenta la Top News. Sondaggi: Berlusconi e governo avanti, Veltroni e Pd indietro!Ultimo sondaggio: sale ancora la fiducia in Berlusconi. Negli ultimi sette giorni è salito di altri due punti il vantaggio del Premier su Veltroni. Il Pdl dal 37,4% al 41,5%. Maggioranza al 51% rispetto al 47% del 14 aprile. Pd scende

Leggi e commenta la Top News. Sondaggi: Berlusconi e governo avanti, Veltroni e Pd indietro!

Ultimo sondaggio: sale ancora la fiducia in Berlusconi. Negli ultimi sette giorni è salito di altri due punti il vantaggio del Premier su Veltroni. Il Pdl dal 37,4% al 41,5%. Maggioranza al 51% rispetto al 47% del 14 aprile. Pd scende al 32%. Idv supera il 5%. Sale la Lega Nord. Calano Udc (dal 5,6 al 5%), la Destra (dal 2,4 all’1,5%), e la Sinistra Arcobaleno (dal 3,3 al 3%). Berlusconi: “Gli italiani sono con me”. Veltroni: “E’ l’ultimo picco, poi per il governo sarà discesa libera”.

Il nostro commento. Questi sono i dati dell’Istituto Consortium per Affaritaliani.it. Questa oggi è la realtà italiana. Negli ultimi sette giorni (fino al 30 giugno) la coalizione di Centrodestra (Pdl-Lega-Mpa) avanza ancora e ha 13,5 punti percentuali in più sull’alleanza Pd-Idv. Questo il punto centrale. Tra i ministri svettano Gianni Letta (60% di fiducia), Franco Frattini, Renato Brunetta, Roberto Maroni, Claudio Scajola e Mariastella Gelmini. Tradotto politicamente significa che gli italiani vogliono che Berlusconi e il suo esecutivo governino e che non c’è fiducia nell’opposizione, ritenuta non credibile. Intanto le famiglie italiane sono sempre più indebitate. Punto.

Paolo Bonaiuti: “E’ il giusto riconoscimento alla nostra azione che è coerente rispetto a quanto detto in campagna elettorale”.

Antonio Di Pietro: “I sondaggi non mi interessano. La dittatura è vicina. Sta vincendo l’incallito furbacchione”.

Pierferdinando Casini: “Il quadro muterà dopo le ferie estive. I nodi verranno al pettine e Berlusconi avrà un brutto risveglio”.

Giulio Tremonti: “Stiamo lavorando dopo i danni fatti dal precedente governo. Se c’è sviluppo, se c’è ricchezza da distribuire lo faremo in favore dei redditi fissi, pensioni e famiglie”.

Pier Luigi Bersani: “Governo pieno di bugie. Tremonti fa sparire il tesoretto. In Italia si lavora di più e si guadagna meno: siamo maglia nera nei salari: 20% più bassi dei paesi Ocse”.

Gavino Angius: “Il paese va verso la deriva. Il governo è alla mercè di Berlusconi che pensa solo a se stesso. Si rischia l’esplosione di nuovi scontri sociali. L’opposizione deve prendere in mano la situazione”.

Arturo Parisi: “Povera Italia, con questo governo e con questa opposizione, Pd compreso. O si va a una svolta o sarà presto buio”.