Basket | Europei Slovenia 2013: blackout Italia, l’Ucraina va al Mondiale

L’Italia ha perso 66-58 contro l’Ucraina che va dritta ai Mondiali di Spagna 2014. Per gli azzurri l’ultima possibilità di giocare la competizione iridata domani contro la Serbia.

Ancora un blackout ed ora è sempre più dura. Come accaduto ieri contro la Lituania, gli azzurri restano cinque minuti senza segnare in avvio di quarto periodo e permettono la fuga buona all’Ucraina (66-58), che ci batte e va al Mondiale. La squadra di Pianigiani paga percentuali disastrose al tiro (32%), con un Belinelli da 2/19 dal campo, e l’incapacità andare a canestro in penetrazione, come dimostrano le otto stoppate subite e gli appena 10 liberi tirati (tutti nella ripresa). Resta la finale 7° posto con la Serbia.

L’atmosfera da amichevole, con la Stozice Arena quasi completamente deserta, non aiuta le due squadre, che partono con il freno a mano tirato e non segnano per quasi due minuti. La tripla di Cinciarini apre le marcature, ma è Aradori l’uomo azzurro del primo tempo: sei punti in fila e gli azzurri provano a scappare (12-5 al 7′). La squadra di Fratello torna subito sotto, perché siamo troppo discontinui in attacco, soprattutto con un Belinelli molto impreciso (0/5 al 10′) ed in difesa paghiamo un’inevitabile stanchezza.

Melli lotta molto bene a rimbalzo, ma commette ben presto due falli e, con le tre penalità di Cusin, Pianigiani deve affidarsi a Magro, mai in campo nelle ultime tre gare. Il secondo quarto va a strappi, prima da una parte e poi dall’altra (34-35 al 20′), con l’highlight della grande schiacciata di Gentile a difesa schierata, ma l’Italia non va mai in lunetta. L’Ucraina apre con un 4-0 per il +5 (34-39 al 21′), tra passi non fischiati e un fallo su Cinciarini non rilevato, annullato dai primi cinque punti di Belinelli. Non riusciamo, però, a staccare i nostri avversari.

I problemi di falli dei lunghi aumentano nel finale di terzo periodo, con il quarto di Cusin ed il terzo di Melli, mentre Pianigiani mette Gentile da quattro. L’inizio del quarto periodo rispecchia la gara di ieri, non facciamo canestro per quasi cinque minuti e la panchina prende un tecnico: Jeter segna quattro punti di fila e Pustozvonov ci manda all’inferno (48-59 al 35′). Due triple di Melli provano a ridarci un po’ di fiato, abbiamo l’occasione per il -3, ma Kravstov stoppa Cinciarini e Jeter chiude. L’Ucraina va al Mondiale, per noi l’ultima speranza è la finale del settimo posto con la Serbia.

LE PAGELLE DI ITALIA-UCRAINA E LE INTERVISTE A BELINELLI E MELLI

Italia-Ucraina 58-66: la fotogallery

Guarda la fotogallery di Italia-Ucraina ad Eurobasket 2013
Guarda la fotogallery di Italia-Ucraina ad Eurobasket 2013
Guarda la fotogallery di Italia-Ucraina ad Eurobasket 2013
Guarda la fotogallery di Italia-Ucraina ad Eurobasket 2013
Guarda la fotogallery di Italia-Ucraina ad Eurobasket 2013
Guarda la fotogallery di Italia-Ucraina ad Eurobasket 2013
Guarda la fotogallery di Italia-Ucraina ad Eurobasket 2013
Guarda la fotogallery di Italia-Ucraina ad Eurobasket 2013
Guarda la fotogallery di Italia-Ucraina ad Eurobasket 2013
Guarda la fotogallery di Italia-Ucraina ad Eurobasket 2013

LE PAGELLE DI ITALIA-UCRAINA E LE INTERVISTE A BELINELLI E MELLI

Italia-Ucraina 58-66: il tabellino

ITALIA-UCRAINA 58-66 (17-13, 34-35, 48-51)

ITALIA: Aradori* 15 (3/7, 2/6), Gentile 10 (3/7, 1/4), Rosselli ne, Vitali ne, Poeta ne, Melli 8 (1/2, 2/2), Belinelli* 7 (1/11, 1/8), Diener 2 (1/2, 0/1), Cusin*, Datome* 11 (1/2, 3/9), Magro 2 (1/1), Cinciarini* 3 (0/2, 1/2). All: Pianigiani. Ass: Dalmonte, Fioretti

UCRAINA: Pustozvonov 8 (4/4, 0/1), Jeter* 20 (6/11, 1/5), Mishula 8 (1/3, 2/2), Gilebov ne, Gladyr* 5 (1/4, 1/4), Lypovyy* 4 (1/1 da tre), Natyazhko* 6 (2/4), Zabirchenko 3 (1/2, 0/3), Korniyenko* 3 (1/5, 0/1), Zaytsev 3 (1/3, 0/1), Pustovyi ne, Kravtsov 6 (2/5, 0/1). All: Fratello. Ass: Hill

ARBITRI: Arteaga (Spa), Dozai (Cro), Nuran (Tur)

LE PAGELLE DI ITALIA-UCRAINA E LE INTERVISTE A BELINELLI E MELLI

Italia-Ucraina 58-66: la diretta della gara

16:03 – Partita finita. L’Ucraina è qualificata ai Mondiali di Spagna 2014, l’Italia domani tenta il tutto per tutto con la Serbia (ore 17:30, in diretta qui su Outdoorblog).

40′ – Negli ultimissimi secondi ancora a segno dalla lunetta l’Ucraina con Zabirchenko, 66-58.

40′ – Jeter ha messo a segno due su due dalla lunetta, 65-58 Ucraina.

40′ – Melli ha commesso il suo quinto fallo.

39′– Dopo il fallo di Kravtsov, Aradori ne mette due su due dalla lunetta, 58-63. Mike Fratello ha chiamato il time-out per interrompere la rimonta azzurra.

38′ – Melli a segno da tre, 56-63.

37′ – Ancora a segno Jeter per il 63-53 Ucraina.

37′ – Belinelli ne mette di nuovo solo uno su due dalla lunetta, 61-53 Ucraina.

37′ – Prodezza di Jeter, 61-52 Ucraina.

36′ – Tripla di Melli! -7 ora per gli azzurri.

36′ – Belinelli mette a segno un tiro libero su due, da cinque minuti gli azzurri non segnavano. 59-49 Ucraina.

35′ – Pustozvonov pe ril +11 Ucraina e fallo di Aradori.

34′ – Vola a +9 l’Ucraina e Pianigiani chiama il time-out.

33′ – Ancora Jeter per il 55-48 Ucraina.

32′ – Datome aveva insaccato da due, ma dopo i 24″, intanto è stato dato un fallo tecnico alla panchina azzurra e Jeter porta l’Ucraina sl 53-48 dalla lunetta.

32′ – Risultato ancora fermo sul 51-48 per l’Ucraina. Diener e Belinelli hanno sbagliato due tiri da tre.

30′ – La Fiba ha corretto il risultato, il tiro di Mishula è considerato da tre, quindi 51-48 per l’Ucraina al termine del terzo periodo.

30′ – Va a segno Mishula allo scadere del terzo quarto per il 50-48 Ucraina.

29′ – Daniele Magro appena rientrato mette a segno i primi due punti del suo Europeo.

29′ – Dopo il fallo di Cusin Kravtsov dalla lunetta ne mette due su due, 48-46 Ucraina.

28′ – Aradori ne mette uno su due, 46-46.

28′ – Due tiri liberi per Aradori.

28′ – Kravtsov per il nuovo vantaggio ucraino 46-45.

27′ – Fischiato un fallo contro Melli.

27′ – Gentile per il contro-sorpasso azzurro, 45-44.

27′ – Gladyr porta l’Ucraina sul 44-43.

25′ – Gentile mette un libero su due e l’Italia torna a condurre 43-42.

25′ – Fallo di Kravtsov e due liberi per Gentile.

24′ – Jeter port al’Ucraina sul 42-39, ma Datome pareggia con una tripla!

23′ – Lypovyy segna un tiro libero su due, 40-39 Ucraina.

22′ – Belinelli pareggia con una tripla 39-39!

21′ – A segno anche Natyazhko, poi Belinelli acoorcia le distanze, 39-36 Ucraina.

21′ – Subito a segno Jeter, 37-34 Ucraina.

15:21 – Inizia il terzo quarto!

15:19 – Ancora qualche istante e si ricomincia. I giocatori sono pronti.

15:06 – Il secondo quarto e dunque il primo tempo si chiude con l’Ucraina, che ha dovuto sempre inseguire, sul +1, 35-34. Partita apertissima.

19′ – Jeter segna la tripla del sorpasso, 35-34 Ucraina.

19′ – Korniyenko riporta a -2.

19′ – Belinelli sbaglia, ma Datome corregge il tiro, poi schiacciata di Gentile ed è 34-30.

18′ – Korniyenko mette un libero su due e pareggia.

17′ – A segno anche Pustozvonov, Ucraina a -1.

16′ – A segno Natyazhko, 30-27 ora per gli azzurri.

16′ – Tripla di Aradori, 30-25 Italia.

14′ – Va dentro il libero di Zaytsev, poi però Datome segna il punto del 27-25!

14′ – Zaytsev pareggia e può portare i suoi in vantaggio dalla lunetta dopo un fallo di Magro, Pianigiani chiama il time-out.

13′ – Mishula e poi Pustozvonov riportano l’Ucraina a -2.

13′ – Kravtsov sbaglia due tiri liberi su due, poi subito a segno Gentile, 24-18 Italia.

13′ – Tripla di Aradori! 22-18 per gli azzurri.

12′ – Diener e poi Mishula, 19-18 Italia.

11′ – Comincia il secondo quarto. L’Ucraina si riporta subito a -2 con Zabrichenko.

10′ – A segno l’Ucraina con Kravtsov, il primo quarto si chiude sul 17-13 per l’Italia.

10′ – Tripla di Gentile! 17-11 Italia.

9′ – Melli segna il punto del 14-11.

9′ – Mette il libero Jeter, 12-11 Italia.

9′ – Con Jeter gli ucraini arrivano a -2 e possono arrivare a -1 dalla lunetta.

8′ – Tripla di Lypovyy, l’Ucraina si avvicina a -4.

7′ – Ancora a segno Aradori, 12-5 Italia!

6′ – A segno Aradori, 10-5 Italia e l’Ucraina chiede il time-out.

5′ – Errore di Datome da tre, ma bravo Melli al rimbalzo.

3′ – A segno Gladyr e poi Aradori, 8-5 Italia.

3′ – Natyazhko mette a segno due tiri liberi dipo il fallo di Cusin, poi una tripla di Datome, 6-2 Italia.

2′ – Tripla di Cinciarini! 3-0 Italia.

2′ – Fallo di Cinciarini su Jeter.

14:30 – Partita iniziata!

14:30 – Ecco la formazione azzurra

14:26 – I ragazzi di Pianigiani cantano l’inno di Mameli a squarciagola. Tra pochissimo si comincia!

Italia-Ucraina | Il prepartita

Ore 14.20 E’ l’ora della presentazione delle squadre, poi gli inni nazionali e la palla a due. La Stozice Arena è quasi completamente deserta.

Ore 13.57 Entrano in campo le squadre, sul parquet della Stozice Arena, ancora quasi completamente deserta. Prima è entrata l’Ucraina, poi gli azzurri.

Ore 13.42 Anche Nando Gentile entra alla Stozice Arena

Ore 13.38 Aperti i cancelli della Stozice Arena, entrano i primi tifosi azzurri

Ore 13.26 Anche Belinelli, Poeta e Cusin in campo, manca poco più di un’ora alla palla a due

Ore 13.10 Entrano sul parquet anche Aradori e Melli, così come i primi giocatori dell’Ucraina. Cancelli ancora chiusi, apriranno alle 13.30.

Ore 13.00 Ad un’ora e mezza dalla palla a due, gli azzurri entrano sul parquet della Stozice Arena per fare il pre riscaldamento. Il primo a testare i canestri è stato Luca Vitali, seguito da Gentile, Diener e Datome.

Ore 11.55 Mancano due ore e mezza dalla palla a due di Italia-Ucraina, sfida fondamentale per l’accesso al Mondiale. La Stozice Arena è ovviamente ancora deserta ed i cancelli saranno, come al solito, aperti solo un’ora prima dell’inizio del match.

Italia-Ucraina: la presentazione del match

Non c’è tempo per essere delusi per l’uscita dalla zona medaglie, l’Italia deve subito scendere in campo nel primo pomeriggio (ore 14.30) contro l’Ucraina, nella semifinale 5°/8° posto. Una partita fondamentale, probabilmente la più importante dell’intera rassegna continentale, perché assegna un posto al Mondiale 2014. Un obiettivo sognato alla vigilia di Eurobasket 2013 ed ora davvero a portata di mano, anche se non sarà certamente agevole raggiungerlo, contro la sorpresa principale di questo torneo in Slovenia.

Inoltre, come sottolineato nel post partita di ieri da Simone Pianigiani, ci sono solo pochissime ore per ricaricare le batterie, sia a livello mentale che fisico, e riuscire a giocare un’altra partita di grande intensità. A darci coraggio può essere la gara di ieri della Slovenia: anch’essa delusa ed uscita in tarda serata, capace poi di sconfiggere nettamente la Serbia poche ore più tardi ed andare così al Mondiale. La formazione di Mike Fratello ha una stazza fisica importante, anche se sono stati gli esterni a trascinarla fino a questo punto.

In particolare, da tenere d’occhio ci sono Sergii Gladyr (13.4 punti, 5.2 rimbalzi e 1.7 assist di media) ed il naturalizzato Eugene Jeter (13 punti e 4.1 assist a gara), capaci di accendersi e realizzare molti punti in pochi minuti. Il resto del quintetto è composto da tre uomini oltre i due metri, seppur non sempre così incisivi: Lypovyy, Natyazhko e Korniyenko. Una squadra che ha incontrato e messo in difficoltà (seppur perdendo) tre delle quattro semifinaliste. Se l’Italia riuscirà a superare la delusione le forze fisiche, ha tutte le carte in regola per vincere e raggiungere un grande obiettivo.

Italia-Ucraina | Europei Slovenia 2013 basket | I precedenti

Sono pochi e tutti a nostro favore i precedenti tra gli azzurri e gli ucraini: sei partite e sei vittorie, compreso il +37 nell’Europeo 2005 in Serbia. L’ultimo confronto diretto risale a ben cinque anni fa (10 luglio 2008), quando la squadra italiana si impose per 90-73 in un’amichevole a Montebelluna. Da allora, le strade delle due squadre non si sono più incrociate.