Top 14 – Tolone: la fantasia al potere e l’idiozia alla presidenza!

Ho già affrontato il tema Tolone in passato e credo sia chiaro a chi mi ha seguito che non nutro tutto questa simpatia verso la formazione dell’eccentrico presidente Mourad Boudjellal. Nulla contro i giocatori, alcuni dei veri e propri personaggi, né contro il povero Tana Umaga, vittima predestinata di una dirigenza ridicola. No, la mia

Ho già affrontato il tema Tolone in passato e credo sia chiaro a chi mi ha seguito che non nutro tutto questa simpatia verso la formazione dell'eccentrico presidente Mourad Boudjellal. Nulla contro i giocatori, alcuni dei veri e propri personaggi, né contro il povero Tana Umaga, vittima predestinata di una dirigenza ridicola. No, la mia antipatia è nei confronti di Boudjellal e del suo metodo dilettantistico e ridicolo di gestire la squadra. Perché, se è vero che per vincere servono i soldi, non è altrettanto vero che avendo i soldi si vince.

Neopromossa quest'anno in Top 14, la formazione di Tolone era stata pensata per vincere subito il titolo, o, almeno, per giocarsi i playoff fino alla fine. Ebbene, siamo poco oltre metà campionato ed è chiaro che la squadra di Pez (si fa per dire) e Dellapé sarà fortunata se riuscirà a non retrocedere per manifesta inferiorità.
Sconfitte in sequenza, una Challenge Cup imbarazzante e un mix di nomi esotici e incompetenza sono il risultato di un riccastro che non sa cosa sia il rugby, ma che sperava di diventare vincente solo pompando soldi su soldi nel suo giocattolo.
Ma ecco che, come spesso capita, al peggio non c'è mai fine. Ecco, infatti, le novità per questo finale di stagione e per la prossima.

1. Tana Umaga, ormai un ex giocatore, scenderà in campo fino a fine anno come giocatore-allenatore. Come rovinare un mito.

2. Philippe Saint-André sarà l'allenatore per la prossima stagione, affiancato dallo stesso Umaga. Saint-André, tra i candidati a sostituire Berbizier sulla panchina azzurra un anno fa, è un ottimo allenatore che sta facendo molto bene a Sale. Ecco, come rovinare un allenatore promettente.

3. Riempiamoci di aperture. Già ne aveva tre scadenti quest'anno, ma ora si aggiungono il sudafricano Conrad Barnard e il francese Pierre Mignoni. Come rovinare due ottimi giocatori.

4. Ultimo, ma non meno importante. Tutti questi acquisti serviranno e resteranno l'anno prossimo, visto che al 90% il Tolone sarà retrocesso?!