Massalombarda: ipotesi omicidio-suicidio, trovati morti madre e bimbo

I corpi di mamma e figlio sono stati trovati nella vasca da bagno in un’abitazione di campagna nella frazione di Borgo Serraglio.

Omicidio-suicidio. È questa l’ipotesi seguita dai carabinieri che indagano sul ritrovamento ieri a Massalombarda, nel Ravennate, dei cadaveri di una donna di 30 anni e del figlioletto di un anno e mezzo.

I corpi di madre e figlio sono stati trovati dentro il loro appartamento dal padre del piccolo e da un parente nella vasca da bagno dell’abitazione. Mamma e bimbo sarebbero morti per annegamento, l’autopsia disposta dal magistrato di turno dovrà chiarire se la donna abbia preso farmaci prima dell’estremo gesto.

Inutile ogni tentativo di rianimazione da parte dei due familiari che hanno scoperto la tragedia avvenuta in una villetta di campagna nella frazione di Borgo Serraglio, al confine tra Massalombarda e Conselice.

“Ho provato a salvarli ma non ce l’ho fatta, avevo solo bisogno di un po’ di aiuto, perché non mi hanno aiutato?”

è quello che per quasi un’ora avrebbe gridato il compagno della donna, sceso in cortile in preda alla disperazione dopo aver trovato i cadaveri.

Un’amica della 30enne morta con il figlio ha riferito che la donna venerdì mattina era stata in ospedale a Lugo (Ravenna), per dei controlli. Gli investigatori con un carro attrezzi hanno fatto portare via per accertamenti un’auto, con ogni probabilità quella del compagno della vittima.

(Nel video in alto: dramma a Cattolica, omicidio-suicidio di una avanti ai figli piccoli – ottobre 2014)