Napoli: Nas al Cardarelli in Ortopedia, due medici indagati

I carabinieri dei Nas stamattina hanno acquisito cartelle cliniche e registri operatori al Cardarelli di Napoli: indagati due medici.

Un vero e proprio blitz, questa mattina, da parte dei Nas dei carabinieri all’ospedale Cardarelli di Napoli. In particolare, i militari si sono recati nel padiglione H, dove si trovano i due reparti di Ortopoedia del nosocomio campano. Il Nucleo Antisofisticazioni ha acquisito diverse cartelle cliniche e registri degli interventi chirurgici.

L’indagine è affidata ai magistrati Novelli e Frongillo. Secondo le indiscrezioni del Mattino, due medici molto noti nel’ambiente sarebbero stati iscritti nel registro degli indagati. Sarebbero in corso pure perquisizioni negli studi professionali dei due camici bianchi, uno dei quali sarebbe un primario. Il blitz è iniziato questa mattina alle 6.30.

Il Corriere del Mezzogiorno svela i nomi dei due camici bianchi che sarebbero sotto inchiesta: si tratterebbe di Antonio Del Regno, medico chirurgo ortopedico in pensione dal mese di giugno, e di Gaetano Romano, primario della seconda ortopedia, nonché rappresentante aziendale dell’Anpo, l’associazione nazionale dei primari ospedalieri.

Le accuse ai due medici del più grande ospedale del Mezzogiorno vanno dal peculato al falso in atto pubblico in concorso. I diretti interessati rigettano queste affermazioni, manifestando “piena fiducia nell’operato della magistratura”.

La farmatruffa al Cardarelli

Pochi giorni fa, il Cardarelli era tornato tristemente d’attualità per l’inchiesta denominata Farmatruffa. Secondo la procura, infatti c’era una nuova accusa nei confronti di manager e dipendenti privati (della Grifols Italia), ma anche di dirigenti e amministratori dell’ospedale. Secondo i pm, nel 2010, una gara per le forniture di medicine salvavita sarebbe stata regalata alla Grifols, in cambio di viaggi e sponsorizzazioni, camuffati da adesioni a progetti di volontariato su donazioni e terapie di riabilitazione.

I Video di Blogo