Heineken Cup – Gli italiani vincono, le italiane no

Penultimo turno di Heineken Cup e copione rispettato per quel che riguarda le compagini italiane. Come raccontato ieri in diretta, il Cammi Calvisano esce sconfitto da Biarritz in una partita vissuta nella nebbia più totale e può recriminare assai sull’occasione sprecata. Poco da recriminare, invece, per la Benetton Treviso che subisce una nuova lezione di

IMG_0676.JPG

Penultimo turno di Heineken Cup e copione rispettato per quel che riguarda le compagini italiane. Come raccontato ieri in diretta, il Cammi Calvisano esce sconfitto da Biarritz in una partita vissuta nella nebbia più totale e può recriminare assai sull'occasione sprecata. Poco da recriminare, invece, per la Benetton Treviso che subisce una nuova lezione di rugby, questa volta dal Leicester di Martin Castrogiovanni.

Foto di Alberto Celani

Dopo quello già scritto e detto ieri, c'è poco da aggiungere sulla prestazione dei bresciani contro Biarritz. Di fronte a una formazione francese sicuramente in un periodo di crisi, con poca benzina nel motore che fa andare Masi e compagni a rallentatore, la squadra di Marc Delpoux non riesce a sfruttare la ghiotta occasione ed esce sconfitta dal campo. Pur lottando e mostrando con i suoi trequarti un buon gioco tattico, Calvisano non riesce a ottenere neppure il bonus che avrebbe significato il primo punto di questa stagione europea. In ottica nazionale, invece, buone prove di Masi, McLean, mentre sono discrete e senza eccessi quelle di Ghiraldini, Zanni, Garcia e Pratichetti.
Se Calvisano almeno se l'è giocata, per Treviso la trasferta inglese è stato un nuovo, ennesimo, massacro. Partita che inizia con la prima meta dei Tigers dopo 4' e che si chiude, per quel che riguarda il primo tempo, con sei mete all'attivo per Leicester. Treviso mai in partita, nonostante schierasse ben 12 stranieri, un italosudafricano e due italiani, può solo guardare passare gli avversari, di una caratura decisamente superiore. Nella ripresa Leicester rallenta e realizza "solo" altre due mete che chiudono il discorso sul 52-0 per gli inglesi. In ottica nazionale nulla da segnalare per quel che riguarda Treviso (ovvio, con 12 stranieri…), mentre è importantissima la prova di Martin Castrogiovanni nei Tigers. Il pilone italoargentino, infatti, ha giocato gli interi ottanta minuti, dimostrando che giorno dopo giorno sta sempre più tornando in forma e che vuole arrivare pronto al 6 Nazioni.

I Video di Blogo