Roma: 40enne ucciso a coltellate al Trullo, arrestato l’ex cognato

La vittima è stata raggiunta da diverse coltellate. L’omicidio sarebbe avvenuto all’interno di un’abitazione al culmine di una lite.

Per l’omicidio di Amedeo Maramo, ucciso a coltellate mercoledì sera nel quartiere del Trullo, la sezioni omicidi della squadra mobile della polizia ha arrestato ieri l’ex cognato della vittima. Maramo è stato colpito a morte con 9 fendenti davanti alla sua abitazione, dove, intorno alle 23, era arrivato in sella al suo scooter.

Le testimonianze e le indagini avviate dagli investigatori si sono concentrate da subito sull’ex cognato, alcuni residenti l’avevano anche visto fuggire a bordo di un’auto poco dopo l’omicidio. Del resto l’arrestato, pure lui di 42 anni, aveva più volte minacciato Maramo, verso cui nutriva un astio profondo per via della sua convivenza con una nuova compagna.

La sorella del presunto assassino, scrive Repubblica Roma, aveva avuto dei figli con la vittima. La donna è deceduta circa tre anni fa.

Roma: 40enne ucciso a coltellate al Trullo

Aggiornamento 27 novembre 2014, ore 17:15 – Per l’omicidio del 40enne trovato morto al Trullo è stato fermato il presunto omicida: sarebbe il cognato.

Omicidio ieri sera a Roma dove un 40enne è stato ucciso con nove coltellate nel quartiere del Trullo.

La vittima è morta poco dopo il suo arrivo all’ospedale San Camillo a causa delle ferite riportate. Secondo una prima ricostruzione dei fatti l’aggressore l’avrebbe accoltellato a morte l’uomo al culmine di una lite. L’omicida poi è riuscito a far perdere le sue tracce.

Il litigio sfociato in omicidio sarebbe iniziato in un appartamento in vicolo del Monte delle Capre, anche se il cadavere della vittima sarebbe poi stato trovato in strada.

L’assassino sarebbe fuggito al volante di un’auto. Dopo il fatto di sangue sul posto con i soccorsi è arrivata la squadra mobile della polizia che ha avviato le indagini insieme ai colleghi della scientifica e agli agenti del commissariato San Paolo.

(in aggiornamento)