Egitto, Emma Bonino all’ambasciatore Helmy: “Uso delle forze di polizia brutale e spropositato”

La titolare della Farnesina ha convocato l’ambasciatore dell’Egitto in Italia, intanto la mediazione unitaria è fallita perché i militari non l’hanno accettata.

Subito dopo l’incontro tra il ministro degli Esteri italiano Emma Bonino e l’ambasciatore d’Egitto Amr Mostafa Kamal Helmy, la Farnesina ha diramato una nota ufficiale in cui ha spiegato che cosa si sono detti i due diplomatici.

Queste le parole di Bonino nei confronti dell’ambasciatore egiziano:

“L’uso della forza da parte delle forze di polizia è stato brutale, sproporzionato e non è giustificabile”

e ha precisato che

“l’aspettativa italiana è che cessino al più presto lo stato di emergenza, ogni tipo di violenza da parte di tutte le parti coinvolte in questa crisi, la repressione e gli arresti politici indiscriminati, e che le forze di sicurezza egiziane improntino la loro condotta al criterio del massimo autocontrollo”

Il ministro Bonino ha espresso l’auspicio che anche i leader della Fratellanza Musulmana si impegnino per fermare le proteste e mantenere la calma, dovendosi in particolare garantire la sicurezza e l’agibilità dei luoghi di culto.

L’Italia si aspetta inoltre che l’Egitto possa al più presto tornare a un processo democratico che sia fondato sul normale funzionamento delle istituzioni civili e che contempli la massima inclusività di tutte le forze politiche del Paese, compresi i Fratelli Musulmani.

Bonino ha concluso:

“Il futuro dell’Egitto è nelle mani del suo popolo ed è responsabilità di tutti, e in primo luogo del Governo interinale, operare affinché siano poste in essere le condizioni per una ripresa verso la transizione democratica”

Emma Bonino: “Al più presto una riunione dei ministri degli Esteri Ue”

Il ministro degli Esteri Emma Bonino aspetta di incontrare oggi, alle 18:30, l’ambasciatore egiziano a Roma Amr Mostafa Kamal Helmy per discutere della situazione egiziana come già altri leader hanno fatto in giornata, a partire dal Presidente della Francia François Hollande.

Intanto, la titolare della Farnesina, ha spiegato ad Affaritaliani.it che è in corso una consultazione permanente con i partner europei e che lunedì o martedì ci sarà una riunione dei ministri degli Esteri.

Bonino ha anche precisato che è stata tentata una mediazione unitaria anche con il coinvolgimento degli Stati Uniti, ma purtroppo è fallita perché i militari egiziani non l’hanno accettata.

Nelle prossime ore dovrebbero arrivare i resoconti degli incontri con gli ambasciatori. I leader dei principali Paesi del mondo stanno chiedendo all’Egitto di sospendere lo stato di emergenza e di porre fine alla repressione.

Intanto al Cairo si teme un’altra carneficina perché è in corso una nuova manifestazione di protesta dei Fratelli Musulmani, oltre tremila persone sono tornate in piazza e la paura è legittima dopo quello che è successo solo poche ore fa quando oltre cinquecento persone, tra cui 43 agenti, hanno perso la vita e in migliaia sono rimasti feriti. L’organizzazione del presidente decaduto Morsi parla in realtà di 4500 vittime, ma è un numero che non trova conferme ufficiali, anche se è lecito pensare che quello ufficiale sia al ribasso.

Anche Papa Francesco oggi ha parlato della situazione egiziana e ha detto che le sue preghiere sono rivolte alle persone che sono morte, mentre l’augurio è che torni presto la pace.

Segui in diretta tutte le news sull’Egitto

(In aggiornamento)

I Video di Blogo

Ultime notizie su Governo Italiano

Tutto su Governo Italiano →