Florida: sparatoria in università con feriti, ucciso l’aggressore

Tre persone sono rimaste ferite durante una sparatoria alla Florida State University. Ucciso l’aggressore.

Sparatoria alla Florida State University, negli Stati Uniti: si parla di almeno tre feriti, mentre l’uomo che ha aperto il fuoco nel campus è stato ucciso dai poliziotti. Il bilancio arriva dal portavoce della polizia locale, Dave Northway. Una delle persone ferite sarebbe in situazione critica. Gli spari sono avvenuti vicino alla biblioteca dell’ateneo.

L’università aveva emesso un’allerta, parlando di “situazione pericolosa” e invitando tutti a mettersi al riparo e a stare lontano da porte e finestre. Toni Haywood, una studentessa, ha raccontato all’Abc che si trovava al secondo piano della biblioteca quando ha sentito colpi d’arma da fuoco; qualche attimo dopo, si è praticamente scontrata con un gruppo di persone che saliva dalle scale e gridava agli studenti di nascondersi.

“Un agente ha parlato al citofono interno e ci ha detto che c’era un uomo armato all’ingresso. Penso che abbiano detto che due persone sono state ferite” ha raccontato la ragazza, in contatto via sms con l’emittente. “Ci ha detto di rimanere lontani da porte e finestre e di non muoverci da dove eravamo. Abbiamo tutti aspettato, poi la polizia è tornata e ci ha detto che il killer era stato preso in custodia e di rimanere dove eravamo”.

Un’ora più tardi, gli studenti attendevano ancora disposizioni dalle autorità. Polizia e personale del campus non ha fornito altri particolari sull’accaduto. L’università, una delle più grandi in Florida, ha circa 40 mila iscritti in 16 collegi sparsi a Tallahassee, la capitale dello Stato. Recentemente, è balzata agli onori della cronaca per il trattamento di favore – in materia penale – fornito agli atleti della sua squadra di calcio, impegnati quest’anno nel campionato nazionale tra college.