Rossano: ciclista investito e ucciso da un pullman

La caccia al presunto pirata della strada è finita con una telefonata dell’azienda di trasporti alla polizia. L’autista non si è fermato per “evitare uno shock ai passeggeri”. Il ciclista è stato investito sulla statale 106 jonica sotto gli occhi della moglie.

Un ciclista è stato investito e ucciso stamattina a Rossano, nel Cosentino. In un primo momento si era pensato a un’auto pirata, poi a un camion che aveva fatto una manovra azzardata, ma la verità era un’altra. L’uomo è stato travolto da un pullman di linea.

Subito dopo l’impatto chi era alla guida del bus non si è fermato a prestare nessun soccorso. L’autista non si è fermato continuando la sua corsa perché, secondo la telefonata fatta poco dopo da un responsabile della compagnia di trasporti alla polizia, voleva:

“evitare uno shock ai passeggeri”

L’incidente mortale è avvenuto alle prime luci del giorno sulla strada statale 106 jonica, nei pressi della centrale Enel di Rossano Calabro.

La vittima è Ion Stelea, 45enne di nazionalità romena. L’uomo era appena uscito in bicicletta con moglie. Pare stessero andando al lavoro. Insieme stavano percorrendo la statale in direzione nord. La donna era sulla stessa bici del marito ma lei avrebbe fatto in tempo a salvarsi lanciandosi fuori strada.

L’uomo è invece deceduto sul colpo, il personale medico non ha potuto fa altro che riscontrare la morte. Le indagini sono in mano alla polizia stradale che è arrivata per prima sul posto insieme a dagli operai dell’Anas che hanno aiutato a gestire la viabilità durante la fase dei soccorsi e dei successivi accertamenti. La posizione dell’autista del pullman è al vaglio degli inquirenti.

(Nel video in alto: Incidente mortale sulla 106, ucciso ciclista – giugno 2013)