Quarto Grado ultima puntata 14 novembre 2014

Quarto Grado si è occupato del caso di Elena Ceste, della scomparsa di Gilberta Palleschi e del processo d’appello a carico di Sabrina Misseri e Cosima Serrano.

Quarto Grado 14 novembre 2014: il caso Belmonte

La perizia medico legale di Introna sui cadaveri di madre e figlia, Maria ed Elisabetta Belmonte, ritrovate morte a otto anni dalla loro scomparsa nella casa in cui vivevano, parla di una morte per un cocktail di farmaci, ma non si può arrivare a stabilire se quei medicinali siano stati ingeriti volontariamente.

Quarto Grado 14 novembre 2014: Sarah Scazzi

1115001533DVB-TRete4

Qualche giorno fa Ilaria Cavo ha incontrato di nuovo Misseri, in prossimità del processo d’appello:

«Non so come andrà a finire questo processo. Ho un po’ di fiducia… non troppa. Qualcosa penso che cambierà. Vado in aula con angoscia, con la paura che ci siano altri condannati… Non io, tanto per me non conta niente. Spero sempre che Dio ci aiuti, più loro che me. Può essere che mi aiuti… Cristo è morto per noi sulla croce… per i peccatori».

L’uomo ha confermato di voler parlare nuovamente in aula, se gli sarà concesso, e di volere una perizia psichiatria:

«Voglio sapere cosa ha la mia mente».

Riguardo a come ha approcciato Sarah nel garage, ha dichiarato:

«Può essere che io abbia fatto un gesto che Sarah abbia colto come un gesto sessuale, ma l’ho fatto senza volerlo».

In merito alla telefonata intercorsa tra lui e Sabrina la notte del suo arresto – che la difesa di Sabrina Misseri ha chiesto di ascoltare in aula, ha commentato:

«La notte del mio arresto, mentre ero in caserma, Sabrina al telefono mi disse: “Non potevi dirmi che sei stato tu?”. Io le risposi: “Tanto non ci vediamo più!”. A me farebbe piacere riascoltare questa registrazione in aula. Dimostra che Sabrina non sapeva niente… nemmeno Cosima né Valentina. Io non mi sono confidato con nessuno. Da quel giorno non ho più sentito la voce di Sabrina».

E ha concluso l’uomo:

«Ho scritto nelle lettere a Sabrina, che ho sognato Sarah: mi diceva per tre volte “Zio assassino”. Forse voleva dire che ci sono due innocenti in carcere…».

1115000910DVB-TRete4

La difesa di Sabrina ha chiesto al processo di acquisire agli atti l’intervista di Ilaria Cavo dello scorso marzo a Misseri, in cui l’uomo mima il modo di esecuzione del delitto.

1114235334DVB-TRete4

Claudio Scazzi, fratello della vittima, presente in studio dice di attendere il risultato del processo senza aspettarsi nulla, perché la sentenza potrebbe anche essere ribaltata.

1114234128DVB-TRete4

Si è aperto il processo di appello ai danni di Sabrina Misseri e sua madre Cosima per l’omicidio di Sarah Scazzi. L’avvocato Coppi, legale di Sabrina, intervistato da Ilaria Cavo continua a dirsi certo dell’innocenza della sua assistita:

«Ho chiesto di acquisire l’intervista, perché Misseri cita il modo in cui l’uomo sposta Sarah nel garage: mettendole le mani sui seni. Le ricostruzioni che Michele Misseri fa ogni volta di quanto accaduto nel garage, sono tutte rappresentazioni molto in linea con la tesi che abbiamo sempre sostenuto: un interesse sessuale dell’uomo nei confronti della nipote. Michele Misseri non ha mai ammesso il movente sessuale, ma questo rientra nella sua psicologia abbastanza rozza e semplice. Si rende conto che se ammettesse un tale movente, sarebbe ben difficile chiedere e ottenere perdono… Ma perché la nipote dovrebbe aver preso a calci lo zio, se lui avesse tentato soltanto di allontanarla?».

Alla domanda se crede nell’innocenza della sua assistita, ha risposto con nettezza:

«L’idea che avrei dovuto abbandonare la difesa di Sabrina Misseri, ha pesato molto nelle scelte che avrei potuto fare in questi ultimi anni. Non voglio passare per un eroe, ma lo faccio soltanto per la mia personale convinzione dell’innocenza di questa ragazza. Mi sento così vicino a lei in questa battaglia, che non me la sento di abbandonarla. Questo processo per me è un tormento. Mai ho sofferto tanto la posizione del mio assistito, come in questo procedimento».

«Non punto dritto alla Cassazione: credo nella singola fase del processo. Pensi all’ipotesi che Sabrina sia innocente… Non è un incubo?», ha concluso il legale.

1114233640DVB-TRete4

Quarto Grado 14 novembre 2014: Yara Gambirasio

Sul caso di Yara Gambirasio gli inquirenti continuano a concentrarsi su Massimo Bossetti e sul suo furgone. La difesa, invece, cerca riscontri alla sua ipotesi secondo cui Yara sarebbe uccisa altrove, come ad esempio il cantiere di Mapello.

1114232402DVB-TRete4

Quarto Grado 14 novembre 2014: Roberta Ragusa

Si torna a parlare del caso di Roberta Ragusa, proponendo alcuni passaggi degli interrogatori di Sara, l’amante di Antonio Logli. La ragazza parla della loro relazione extraconiugale che va ormai avanti da 10 anni. Potrebbe essere questo il movente di un delitto?

1114230456DVB-TRete4

Quarto Grado 14 novembre 2014: Gilberta Palleschi

La famiglia ha messo a disposizione una ricompensa di 20 mila euro a chi fornirà elementi concreti utili alle indagini.

1114225319DVB-TRete4

A Sora si è tenuta una fiaccolata in ricordo di Gilberta, che è stata anche l’occasione per sensibilizzare e chiedere a chi sa di parlare. Il conoscente di famiglia che dice di aver ritrovato la sim del cellulare della donna, il giorno dopo la scomparsa, è stato ascoltato dagli inquirenti ma non è al momento indagato.

1114224543DVB-TRete4

C’è ancora il più fitto mistero sulla scomparsa di Gilberta Palleschi, la professoressa 57enne di Sora sparita due settimane fa. I giorni seguenti la scomparsa sono stati ritrovati alcuni effetti personali della donna, in due luoghi diversi, a circa 300 metri l’uno dall’altro.

1114223736DVB-TRete4

Quarto Grado 14 novembre 2014: Elena Ceste

I Ris, dopo la segnalazione della settimana scorsa di Quarto Grado ad opera di Simone Toscano, sono intervenuti per recuperare i frammenti dei vestiti e il frammento osseo ritrovati poco distanti dal luogo del rinvenimento del corpo della Ceste.

1114222252DVB-TRete4

Michele ha cercato di allontanare gli inquirenti dal luogo in cui il corpo di Elena si trovava? Può aver portato via il cadavere della moglie senza essere visto da nessuno? Queste sono solo alcune delle domande e dei dubbi sul marito di Elena Ceste. E se invece davvero Michele non avesse nulla a che fare con la morte della moglie? Da vigile del fuoco esperto avrebbe potuto nascondere meglio il corpo.

1114215543DVB-TRete4

Simone Toscano incontra Vito, un uomo che dichiara di aver incontrato in una chat una donna che potrebbe essere Elena Ceste. La donna parlava di una situazione difficile con il marito, sempre più geloso, dal quale era intenzionata a separarsi. Vito è andato anche dagli inquirenti, consegnando tutti i messaggi scambiati con la donna. Il servizio mette però in risalto i punti delle rivelazioni di Vito che non tornano: potrebbe essere un uomo in cerca di notorietà?

1114213533DVB-TRete4

Il medico di famiglia, intervistato da Ilaria Mura, parla di Elena e dice che non era assolutamente una donna depressa e parla di Michele come un uomo molto innamorato.

1114213026DVB-TRete4

Gli inquirenti ora concentrano le indagini sui tabulati telefonici di Elena e Michele.

1114212650DVB-TRete4

Si inizia con la storia di Elena Ceste: c’è la gelosia alla base della morte di questa donna? Michele può aver fatto del male alla moglie dopo aver saputo che frequentava altri uomini?

1114212243DVB-TRete4

Quarto Grado 14 novembre 2014

Quarto Grado sta per iniziare e Gianluigi Nuzzi dalla sua pagina Facebook avvisa di novità e cambi di scaletta:

quarto-grado-gianluigi-nuzzi

Quarto Grado puntata 14 novembre in diretta

Quarto Grado torna questa sera con un nuovo appuntamento dedicato alla morte di Elena Ceste, al processo d’appello per l’omicidio di Sarah Scazzi e alla misteriosa scomparsa di Gilberta Palleschi. L’appuntamento è per questa sera intorno alle 21.10 su Rete4 e qui in liveblogging.

Quarto Grado puntata 14 novembre, anticipazioni

Chi ha occultato il corpo di Elena Ceste? È stata uccisa? Chi potrebbe essere l’autore del delitto? Sono gli interrogativi-chiave, a cui le indagini degli inquirenti tentano di dare risposte da 10 mesi. Questi quesiti e i pochi punti fermi dell’inchiesta sul caso di Costigliole d’Asti, aprono il nuovo appuntamento con “Quarto Grado”, in onda questa sera su Retequattro.

«Aiutateci a trovare Gilby», ha scrito la famiglia di Gilberta Palleschi sullo striscione che ha aperto la fiaccolata per la professoressa di Sora, scomparsa dal 1° novembre. È stata aggredita? Sequestrata? Chi poteva volerle del male? A quasi due settimane dalla sua sparizione, Gianluigi Nuzzi con Alessandra Viero aggiornano i telespettatori sugli sviluppi delle ricerche e raccolgono il messaggio dei parenti della donna scomparsa, disposti anche ad offrire una ricompensa a chi dovesse fornire «notizie fondate e attendibili».

Il settimanale a cura di Siria Magri torna infine ad Avetrana e al Tribunale di Taranto. Si apre il processo d’appello a carico di Cosima Serrano e Sabrina Misseri, entrambe condannate all’ergastolo per l’omicidio di Sarah Scazzi. In studio a “Quarto Grado” Claudio Scazzi, fratello della vittima.

Quarto Grado: come vederlo in tv

Quarto Grado è in diretta ogni venerdì sera su Rete4, intorno alle 21.10. Se ve lo perdete niente paura: dal giorno seguente sarà visibile anche sul sito VideoMediaset.it.

Quarto Grado: Second Screen

Quarto Grado può essere seguito anche sui social, attraverso i profili ufficiali Twitter @QuartoGrado e Facebook Quarto Grado. Per interagire con la trasmissione basterà usare l’hashtag #quartogrado.