Marco Rallo, l’imprenditore italiano torturato e ucciso in Colombia

Ucciso insieme alla moglie. Aveva i polsi legati e segni di colpi sul volto.

di andreas

Una morte violenta e ancora senza una spiegazione: Marco Rallio è un imprenditore italiano di 46 anni che è stato ucciso in Colombia insieme alla moglie. I due portano sul corpo segni di torture, i polsi e le caviglie legate e lividi sul volto che fanno pensare a colpi diretti alla faccia.

Secondo quanto riportano i media colombiani, Maria Clara Uribe Zarate, la moglie colombiana dell’italiano, è stata trovato nella notte dell’8 novembre, attorno alle 4.30, in una strada del quartiere di Las Palmas, a Bogotà, vicino a un edificio ancora in costruzione. Due ore dopo è stato rinvenuto anche il cadavere del marito, Marco Rallo, professionista italiano noto sia in Colombia che in Italia.

Le morti, quindi, risalgono a qualche giorno fa, ma solo oggi la dinamica della morte è stata resa noto. Almeno per quello che gli investigatori sono riusciti a ricostruire, dal momento che il quartiere si trova fuori mano ed è privo di quelle telecamere di sicurezza che molto spesso rappresentano un aiuto imprescindibile per gli investigatori.

Il corpo della donna è stato trovato sull’asfalto, con il volto sul marciapiede e a piedi nudi. A due chilometri di distanza è stato invece ritrovato il corpo di Marco Rallo, senza scarpe, con addosso il pigiama – il che fa pensare che entrambi siano stati sorpresi nella notte e portati via con la forza. I segni sul corpo, i polsi e le caviglie legate fanno pensare a torture perpetrate prima di infliggere la morte. Ma per il momento non ci sono informazioni sulle indagini che facciano capire quali possano essere state le ragioni dietro il duplice omicidio.

Ultime notizie su Cold Case

Tutto su Cold Case →