Grosseto: spaccio di droga legato alla Stidda, 13 arresti

Spacciavano a Grosseto ma si rifornivano presso un clan della Stidda del ragusano, a Roma e ad Arezzo.

Aggiornamento 13:18. Il minorenne sfruttato da parte dell’organizzazione criminale sgominata oggi non è imputabile, ha solo 14 anni. Durante il blitz i poliziotti hanno eseguito numerose perquisizioni domiciliari con contestuale sequestro di droga. Tra gli arrestati c’è anche anche il 41enne Armand Hasalla, di origine albanese, già in carcere a Siracusa, ritenuto affiliato a un clan mafioso della “Stidda” della provincia di Ragusa. Hasalla era finito in manette nell’ambito dell’operazione “Agnellino” a Ragusa lo scorso mese di aprile.

Operazione antidroga a Grosseto, dove la polizia ha sgominato una banda di trafficanti e pusher legata a un clan ragusano dell’organizzazione di stampo mafioso nota come Stidda, la cosidetta quinta mafia, diffusa appunto nelle province di Ragusa, Agrigento, Caltanissetta ed Enna.

In tutto sono 13 gli arresti eseguiti, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa a carico di altrettante persone di nazionalità slava e nordafricana.

La banda aveva messo in piedi secondo gli investigatori della squadra mobile una fiorente rete di spaccio di cocaina, marijuana ed eroina.

Alle indagini hanno collaborato anche agenti della polizia di Stato di Firenze, Roma, Arezzo e Siracusa. I canali di approvvigionamento della droga non erano infatti solo nel siracusano ma anche nelle province di Roma e Arezzo. Nell’inchiesta sarebbe coinvolto anche un minorenne.

(in aggiornamento)

I Video di Blogo

Preview Day 12: Bouchard and Kvitova fight for Wimbledon 2014 title