Taranto sparatorie: tre in pochi minuti, città trasformata in Far West

Tre sparatorie in pochi minuti a Taranto: bersaglio circoli ricreativi della città. Non si registrano feriti.

Tre sparatorie a Taranto in pochi minuti. Città jonica trasformata in Far West e polizia impegnata tutta la notte per capirci qualcosa. Gli episodi si sono verificati in tre diverse zone del capoluogo pugliese, il che rende più difficili le indagini. Ad accomunare le sparatorie, però, i bersagli: i circoli ricreativi.

Il primo a essere stato preso di mira, ieri alle 17.30, è stato il circolo in via Dante, angolo via Gorizia, proprio alle spalle dell’ospedale SS. Annunziata. Non ci sono stati feriti perché il locale era chiuso al momento degli spari. Sul posto sono arrivati gli agenti della Squadra Volante, della Squadra Mobile e della Polizia scientifica.

Un’ora e mezzo ed ecco i secondi colpi d’arma da fuoco, cinque, esplosi contro una sala giochi in via Diego Peluso. Anche in questo caso, fortunatamente, non ci sono stati feriti. Passano altri minuti e la città viene scossa da un’altra sparatoria, in via Leonida. Sempre un circolo ricreativo a essere colpito, ma anche questa volta non ci sono vittime.

La sensazione è che siano stati episodi d’avvertimento. Secondo gli inquirenti, sono tutti e tre legati fra di loro. E probabilmente sono collegati al ferimento alla caviglia di un 40enne, avvenuto domenica in pieno centro. La sensazione diffusa, detta a mezza bocca anche da chi indaga, è che gruppi malavitosi stiano battagliando tra loro per il controllo del territorio. Il che vorrebbe dire che è solo l’inizio.