Torre del Greco, omicidi di camorra: 5 arresti clan Birra-Iacomino

L’accusa è di far parte del clan camorristico Birra-Iacomino. Scoperti mandanti ed esecutori materiali di due omicidi.

Aggiornamento ore 14:45. Gli omicidi di camorra per cui sono stati scoperti mandanti e killer sono quelli di Ciro Munizzi, considerato affiliato al clan Ascione, ucciso il 19 giugno 1996 davanti al figlio di tre anni nel salone di un barbiere, e di Gennarino Brisciano freddato a colpi di arma da fuoco il 13 settembre del 2003. Tutti e due gli omicidi sono maturati negli anni più sanguinosi della guerra tra clan contrapposti di Ercolano (Napoli). Per il primo dei due omicidi ricostruiti dagli investigatori – che si sono avvalsi delle dichiarazioni di collaboratori di giustizia -, oggi è stato arrestato Andrea Sannino, per il secondo agguato mortale sono stati raggiunti dal provvedimento restrittivo Giacomo Zeno, Lorenzo Fioto, Enrico Viola ed Enrichetta Cordua, come riporta Il Mattino.

Sono cinque gli arresti compiuti questa mattina dai carabinieri della compagnia di Torre del Greco (Napoli) in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Napoli su richiesta della locale Direzione distrettuale antimafia. Per gli arrestati l’accusa è di essere affiliati o comunque contigui al clan camorristico Birra-Iacomino.

Le indagini dei militari dell’Arma di Torre del Greco coordinate dagli inquirenti partenopei avrebbero ricostruito il movente di due omicidi di camorra, risalendo ai mandanti e agli esecutori materiali dei delitti compiuti ad Ercolano (Napoli) nel corso della faida per la gestione degli affari illeciti sul territorio scoppiata tra i Birra-Iacomino e il clan camorristico rivale degli Ascione.

(in aggiornamento)

Ultime notizie su Camorra

Tutto su Camorra →