Usa: madre tortura bambino di 3 anni fino a ucciderlo

Usa: bambino di tre anni torturato e picchiato per giorni dalla madre e dal compagno. Il piccolo è morto per le percosse ricevute.

E’ stato torturato fino alla morte. La brutta storia arriva dagli Stati Uniti: la vittima è un bambino di tre anni, la carnefice è la madre. In Pennsylvania, il bimbo è stato seviziato e picchiato per giorni dalla donna e dal suo compagno. Entrambi sono stati arrestati dalla polizia.

La 31enne Jillian Tait e il fidanzato Gary Fellenbaum, di 23 anni, non hanno avuto scrupoli nei confronti di Scott McMillan. Terribili i racconti resi dagli agenti ai giornalisti: il bambino è stato frustato dalla madre con una frusta artigianale, preparata appositamente dal compagno. Non solo: il piccolo si è preso anche bastonate. E ancora: legato per i piedi, a testa in giù, è stato picchiato con pugni dalla madre e dall’onnipresente fidanzato.

Tom Hogan, procuratore della contea di Chester, ha riferito che nella sua lunga carriera non aveva mai visto violenze del genere e che per i due aguzzini chiederà la pena di morte. Gary Fellenbaum ha raccontato che Scott non voleva mangiare e, per questo motivo, prima lo ha accompagnato in camera sua, poi lo ha picchiato e lo ha scaraventato innumerevoli volte contro le pareti della stanza.

La sera, stessa situazione: Scott si rifiuta di mangiare e l’uomo ripete la medesima punizione di poche ore prima. Jillian Tait e Gary Fellenbaum hanno poi detto alla polizia di aver chiamato i medici del pronto soccorso quando si sono accorti che il bambino non stava bene. Trasportato in ospedale, Scott è morto poco dopo per le percosse e le torture subite.