Trapani, padre e figlio uccisi a colpi di fucile: caccia al killer

I due sono stati trovati morti a pochi chilometri di distanza, entrambi uccisi a colpi di fucile.


Duplice omicidio ieri nelle campagne di Santa Ninfa, in provincia di Trapani. Due cadaveri, padre e figlio, sono stati scoperti a poche ore e a pochi chilometri di distanza l’uno dall’altro, entrambi uccisi a colpi di fucile.

Il corpo senza vita di Antonino Catalanotto, pastore di 81 anni originario di Salemi, è stato scoperto ieri mattina nella sua automobile, freddato mentre stava raggiungendo il proprio gregge. A lanciare l’allarme è stato un passante.

I militari, subito giunti sul posto, hanno cominciato a rintracciare i familiari dell’uomo, ma non sono riusciti a contattare il figlio, il 41enne Paolo Catalanotto. Le ricerche dell’uomo sono andate avanti per ore, fino a quando, a pochi chilometri di distanza dal luogo in cui suo padre era stato ucciso, hanno scoperto il suo cadavere.

Anche Paolo Catalanotto, come suo padre, è stato ucciso a colpi di fucile. La prima ipotesi presa in considerazione è stata quella dell’omicidio-suicidio, ma l’assenza di un’arma del delitto vicino ai cadaveri ha fatto quasi subito propendere per il duplice omicidio.

Padre e figli sono stati uccisi, gli inquirenti non hanno dubbi e in queste ore stanno scavando nella vita dei due uomini alla ricerca di possibili indizi che riescano a spiegare l’accaduto. Al momento non si esclude nulla, dal regolamento di conti alla lite con altri pastori della zona.

Ultime notizie su Cold Case

Tutto su Cold Case →