Ore 12 – Bossi piange. Bersani & C ridono. Il Paese grida: “Basta soldi ai partiti! Chiudere i rubinetti!”

Nell’ultima bufera che seppellisce la Lega ma mette ancor di più a nudo la malapolitica Made in Italy, Pier Luigi Bersani, invece di prendere il toro per le corna, fa melina. Anzi, difende l’indifendibile. Il segretario del Pd teme che lo tsunami dell’antipolitica schianti gli ultimi legami fra popolo e partiti, con rischi per la

Nell’ultima bufera che seppellisce la Lega ma mette ancor di più a nudo la malapolitica Made in Italy, Pier Luigi Bersani, invece di prendere il toro per le corna, fa melina. Anzi, difende l’indifendibile.

Il segretario del Pd teme che lo tsunami dell’antipolitica schianti gli ultimi legami fra popolo e partiti, con rischi per la democrazia. Invece di proporre una …. rivoluzione, riazzerando la partitocrazia imperante e rilanciando una totale rifondazione dei partiti, Bersani si arrampica sugli specchi, difendendo di fatto “questo” finanziamento pubblico dei partiti.

Con le sforbiciate di Giulio Tremonti, i partiti incasseranno “solo” 143 milioni di euro, cioè – assicura Bersani – “Una cifra inferiore di quella incassata dalla politica in Germania, Francia, Spagna ecc.”. E’ così? Assolutamente no.

Rispetto all’Italia, in Spagna i partiti incassano la metà, in Inghilterra un venticinquesimo, in Francia un quarto, in Germania c’è un tetto di 133 milioni che, come scrive sul Fatto Marco Travaglio: “quasi mai viene raggiunto e per di più chi presenta bilanci opachi perde tutto e fallisce”. Bersani non sa queste cose o finge di non saperle? Allora?

Arrivati dove siamo arrivati non c’è alternativa: chiudere il rubinetto dei soldi pubblici ai partiti. Controprova. Ci sarà un motivo che nella prima Repubblica i partiti faticavano a comporre le liste elettorali e adesso c’è una esplosione di liste con una incredibile moltitudine di candidati (solitamente ignoti, ignoranti e inutili), dalla più grande città all’ultimo comunello?

Chiuso il rubinetto, tutti questi gnomi della politica scompariranno. E i partiti saranno costretti a rifare i conti. Con la gente.