Progetto golpe in Turchia: ergastolo per ex capo di stato maggiore

Che cosa è stato effettivamente Ergenekon? Per l’accusa, “un’organizzazione terroristica per rovesciare il governo di Recep Tayyp Erdogan”, che ha organizzato attentati e assassini politici per creare un clima favorevole al golpe militare. Manipolando anche i media.

Condanna all’ergastolo per Ilker Basbug, fino al 2010 capo di stato maggiore turco. Stessa pena per altri ex generali, tra i quali Hursit Tolon, ex capo dell’Esercito; diversi anni di prigione per altri alti ufficiali e pene severe pure per giornalisti ed esponenti politici. Lo ha deciso il tribunale di Silivri in relazione al coinvolgimento nel presunto tentativo di golpe ai danni del governo di Recep Tayyip Erdogan.

Per il progetto di colpo di stato, denominato Ergenekon, erano alla sbarra 275 imputati. Tre parlamentari dell’opposizione sono stati condannati a pene tra i 12 e i 35 anni di reclusione. La sentenza era attesa da anni in Turchia, fuori dal tribunale si erano radunate numerose persone che – alla lettura della Corte – hanno inscenato proteste e scatenato incidenti.

Sessantasei degli imputati erano già in prigione da anni. L’opposizione, nell’attesa della sentenza (cinque anni fa iniziarono le indagini), aveva parlato spesso di caccia alle streghe contro gli esponenti del dissenso per cercare di indebolire il campo laico. Per 21 imputati, la Corte speciale ha ordinato la caduta di tutte le accuse e la liberazione immediata.

Che cosa è stato effettivamente Ergenekon? Per l’accusa, “un’organizzazione terroristica per rovesciare il governo di Recep Tayyp Erdogan”, che ha organizzato attentati e assassini politici per creare un clima favorevole al golpe militare. Manipolando anche i media. Coinvolti – oltre ai militari e ai giornalisti – anche rettori di università e insegnanti. Dal 28 luglio 2007 a oggi, per presunte relazioni con questo movimento, sono state arrestate 588 persone.

I Video di Blogo.it