Cucinare ricette prestigiose facendo la #spesaalmercato

Dal 22 al 24 novembre in sette mercati comunali si potrà fare una spesa d’autore con un occhio alla solidarietà.

Il 22, 23 e 24 novembre in 7 mercati comunali coperti si svolgerà la seconda edizione di Tutti a tavola, iniziativa del Comune di Milano e di Identità Golose per ricordare a tutti i cittadini che fare la spesa nei mercati comunali è conveniente. In ognuno dei sette mercati coinvolti, i compratori troveranno una lista della spesa speciale, stilata da ciascuno dei cuochi famosi che hanno deciso di aderire all’iniziativa. Questo l’elenco dei mercati e degli chef di Tutti a Tavola, con data e orario per incontrarli dal vivo e chiedere loro qualche consiglio:

    Matias Perdomo – mercato Ponte Lambro – giovedì 9-11
    Cesare Battisti – mercato Zara – giovedì 10-12
    Beniamino Nespor ed Eugenio Roncoroni – mercato Ticinese – venerdì 10-11.30
    Luigi Taglienti – mercato Prealpi – venerdì 10-12
    Giovanni Traversone e Marco Tronconi – mercato Morsenchio – venerdì 17-18.45
    Andrea Aprea – mercato Ca’ Granda – sabato 10.30-11.30
    Claudio Sadler – mercato Wagner – sabato 16-18

Le liste della spesa sono calibrate per poter preparare tre ricette per quattro persone, spendendo al massimo 20 euro complessivi. Il principio guida è quello della stagionalità, cioè la preparazione di piatti che si basino su prodotti tipici dell’autunno. Insieme alle ricette gli chef dispenseranno anche un consiglio sulla merenda pomeridiana dei bambini: un’iniziativa che piacerebbe molto a Michelle Obama, paladina della lotta all’obesità infantile.

Non solo le tavole e i palati del pubblico avranno benefici, perché Tutti a Tavola ha anche una mano tesa verso i cittadini più bisognosi, come si capisce dal sottotitolo “Aggiungi un ospite anche tu”. Per ogni acquisto si potrà aggiungere un euro e alla cassa si potrà acquistare per 5 euro la borsa della spesa ufficiale del Comune di Milano (finalmente anche le Pubbliche Amministrazioni hanno capito che i loro marchi sono spendibili). Tutti questi contributi extra saranno trasformati in prodotti freschi e poi destinati a associazioni e centri famiglia che si occupano di tutela e assistenza ai minori.

I golosastri, ma forse sarebbe meglio dire gli amanti della buona cucina e i cittadini solidali, potranno fare il tour dei sette mercati: in tre giorni c’è abbastanza tempo per provare tutte le ricette!

I Video di Blogo